Teramo
Stai leggendo
A processo per maltrattamenti sul figlio disabile, assolta teramana

A processo per maltrattamenti sul figlio disabile, assolta teramana


TERAMO, 31 maggio – E’ una storia maturata in un contesto di degrado quella arrivata questa mattina davanti al giudice Roberto Veneziano, che al termine del processo con rito abbreviato ha assolto da tutte le accuse, “per non aver commesso il fatto”, una donna di 47 anni, residente in un comune della costa teramana, che doveva rispondere di maltrattamenti nei confronti del figlio, disabile al 100 per cento.

I fatti contestati alla donna, assistita dall’avvocato Tiziano Rossoli, risalgono ad un periodo che arrivava fino a maggio 2016 con la 47enne accusata di aver maltrattato quotidianamente, per diverso tempo, il figlio non autosufficiente che gli era stato affidato dal tribunale di Teramo e di cui la donna era amministratrice di sostegno.

Il pm Laura Colica, titolare del fascicolo, le contestava in particolare di non aver provveduto all’alimentazione del figlio, lasciandolo spesso senza mangiare, così come alle più elementari esigenze del ragazzo.

Secondo l’accusa, infatti, il giovane viveva in una situazione di scarsa igiene e di assoluta mancanza di attenzioni. Tanto che in più occasioni la donna l’avrebbe lasciato solo, anche fuori casa, fino a tarda notte e lasciando che altre persone lo accompagnassero a casa della nonna.

Accuse dalle quali la donna, oggi, è stata assolta.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%