Stai leggendo
Foggia-Pescara 0-1, colpaccio biancazzurro allo Zaccheria. Ci pensa Mancuso

Foggia-Pescara 0-1, colpaccio biancazzurro allo Zaccheria. Ci pensa Mancuso


FOGGIA, 20 gennaio – Colpaccio del Pescara allo Zaccheria di Foggia. Il nuovo anno, dopo la lunga pausa invernale, si apre con una vittoria che porta in dote tre punti pesanti. E’ la partita del cuore per Zeman, che proprio a Foggia scrisse pagine leggendarie per la storia del club pugliese. Sul fronte avversario, in panchina, c’è l’ex tecnico del Delfino Giovanni Stroppa. I biancazzurri sbancano lo Zaccheria con una gara di grande sofferenza. Più pericolosi i padroni di casa, troppo imprecisi sotto porta. Splendido il gol di Mancuso, che vale un successo quanto mai prezioso.

PRIMO TEMPO

Fasi di studio, nei primi minuti, con entrambe le squadre che fanno fatica ad entrare nell’area avversaria. Punge, in un paio di occasioni, il Pescara in contropiede.

Al 9′ brivido in area del Pescara, con Nicastro che incorna di testa e coglie la traversa sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Un minuto dopo ancora Nicastro, che riceve in area e mette a sedere Crescenzi: l’attaccante del Foggia è solo davanti a Fiorillo ma la sua conclusione si stampa sul palo. Due pali in 60 secondi per l’ex attaccante del Pescara. Rischia grosso la squadra di Zeman.

Ancora Foggia, all’11’, con la gran botta di Kragl dalla distanza: Fiorillo ribatte di ginocchio. Al 18′ si fa vedere il Pescara con Mazzotta, che affonda sulla sinistra e mette in mezzo per l’accorrente Brugman: l’uruguaiano riceve al limite dell’area, colpisce bene, ma trova uno strepitoso Guarna che manda in angolo.

Con il passare dei minuti cresce il Pescara, che si rende nuovamente pericoloso al 22′ con una pericolosa serpentina di Capone in area. L’attaccante biancazzurro, però, sbaglia il servizio per Mancuso. Al 27 è Mazzeo a seminare il panico nell’area biancazzurra, approfittando di un vistoso buco nella linea difensiva del Pescara: Fiorillo respinge.

Mazzeo spreca un paio di buone occasioni in area avversaria e al 44′ il Pescara passa in vantaggio, con una splendida ripartenza ispirata da Brugman: palla a Mazzotta sulla sinistra, assist al centro dell’area, irrompe Mancuso che mette in rete. Esultano i 500 tifosi biancazzurri. C’è solo il tempo per una gran botta di Agazzi da fuori e si va al riposo con gli ospiti in vantaggio.

SECONDO TEMPO

Nella ripresa il Pescara torna in campo con Baez al posto di Capone. Subito il Foggia aggressivo in avvio, con Nicastro, che al 2′ sfiora il palo, complice un’indecisione di Crescenzi. Risponde il Pescara due minuti dopo, con una bella giocata di Pettinari, che mette al centro per Mancuso: l’autore della rete del vantaggio è in ritardo di un soffio.

Al 9′ manda alto Agnelli, di testa, solo in area davanti a Fiorillo. Altra incornata, al 16′, questa volta di Loiacono: sempre alto. Al 22′ Deli riceve in area, è un rigore in movimento, ma la palla finisce al lato. E’ in difficoltà la difesa biancazzurra.

Il Foggia attacca e il Pescara schiaccia troppo le linee in difesa. Ma resiste. Tanta fatica, sulla sponda biancazzurra, in fase di costruzione. Entra Coulibaly, al posto di Valzania, per aggiungere quantità in mezzo al campo. Al 38′ torna a farsi vedere il Pescara, che spreca in ripartenza con Pettinari.

Brividi in area del Pescara, al 44′, con Beretta che all’altezza del dischetto prova a piazzarla, ma colpisce troppo debolmente, consentendo a Fiorillo di bloccare. Al novantesimo, sul ribaltamento di fronte, clamorosa occasione per Baez, che colpisce in area a botta sicura ma trova la testa di un difensore avversario.

Tre minuti di recupero che sembrano interminabili. Il Pescara resiste e al fischio finale dell’arbitro è grande festa nel settore dei tifosi biancazzurri.

FOGGIA  (5-3-2): Guarna, Loiacono, Camporese, Tonucci, Agnelli, Agazzi, Kragl, Zambelli (26′ st Scaglia), Greco (14′ st Deli), Mazzeo, Nicastro (21’st Beretta). A disposizione: Tarolli, Figliomeni, Fedato, Martinelli, Gerbo, Floriano, Celli, Ramè, Sanchez. All.: Giovanni Stroppa

PESCARA (4-3-3): Fiorillo, Crescenzi, Coda, Perrotta, Mazzotta, Valzania (34′ st Coulibaly), Proietti, Brugman, Mancuso, Pettinari, Capone (1’st Baez). A disposizione: Savelloni, Balzano, Kanoute, Elizalde, Cocco, Campagnaro, Carraro, Cappelluzzo. All.: Zdenek Zeman

ARBITRO: Luca Sacchi

RETI: 44′ Mancuso

CORNER: 5-3 per il Foggia

AMMONITI: Proietti (P), Deli (F), Crescenzi (P)

Mi sento...
Felice
100%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%