L'Aquila
Stai leggendo
Matrimoni in sedi diverse dal Comune, dopo Pescara dice si anche Pratola Peligna

Matrimoni in sedi diverse dal Comune, dopo Pescara dice si anche Pratola Peligna


PRATOLA PELIGNA, 16 aprile – Dimenticatevi la tradizionale sala consiliare e immaginatevi di dire il fatidico si in un prato, sotto un cielo terso e circondati di fiori. Un sogno a cui aspirano sempre più coppie, tanto che dopo il Comune di Pescara a dire si ai matrimoni civili anche in spazi diversi da quelli comunali è l’amministrazione di Pratola Peligna che nei giorni scorsi ha pubblicato un apposito avviso pubblico a carattere esplorativo, rivolto ai proprietari di strutture con giardini, parchi e aree verdi.

Con i proprietari che risponderanno al bando, l’amministrazione comunale stipulerà un accordo giuridico sotto forma di comodato d’uso, locazione o usufrutto, per un periodo continuativo, per la celebrazione dei matrimoni e dei riti civili.

“C’è una domanda crescente da parte di molti cittadini di celebrare il rito civile al di fuori degli edifici qualificati come casa comunale – ha sottolineato il sindaco Antonella Di Nino – e muovendoci in linea con le attuali previsioni normative, come giunta abbiamo deliberato per la predisposizione del relativo avviso, come ha fatto già in Abruzzo la giunta comunale di Pescara. In questo modo, valorizziamo le proprietà dei cittadini che rispondono al bando e ci teniamo pronti a soddisfare le richieste di chi vuole unirsi con rito civile in luoghi diversi da quelli istituzionali”.

Mi sento...
Felice
100%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%