Teramo
Stai leggendo
Montorio, si va alla seconda convocazione. Il sindaco prova ad evitare l’arrivo del commissario

Montorio, si va alla seconda convocazione. Il sindaco prova ad evitare l’arrivo del commissario


MONTORIO, 12 gennaio – Le sorti del Comune di Montorio si conosceranno solo domani, quando il consiglio tornerà a riunirsi in seconda convocazione per cercare di effettuare la surroga dei consiglieri dimissionari, o almeno di una parte. Stamattina, come ci si aspettava, in aula erano presenti solo sei consiglieri. E così l’assise è stata rinviata alla seconda convocazione.Ma il futuro del Comune è ancora incerto. E l’arrivo del commissario non è ancora stato scongiurato.

“Domani torneremo in consiglio in seconda convocazione – sottolinea il sindaco Gianni Di Centa  – Nel frattempo si stanno valutando sia gli aspetti politico-amministrativi che quelli tecnici e domani decideremo il da farsi”.

Anche in questo caso è tutto legato a tecnicismi ed interpretazioni giuridiche. Perché se in base al regolamento, anche in seconda convocazione, non ci sarebbero i numeri  per procedere alla surroga, per il Testo unico degli enti locali al contrario i numeri sarebbero sufficienti perché basterebbe un terzo dei consiglieri per effettuare la surroga.

Ma il testo unico, secondo alcune interpretazioni, rimanderebbe comunque ai regolamenti comunali e quello di Montorio non è mai stato aggiornato in base alle novità previste dal Tuel.

“Il nostro regolamento è rimasto fermo a quando avevamo sedici consiglieri – precisa il primo cittadino – vedremo cosa succederà domani”.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%