Teramo
Stai leggendo
Operazione Castrum, il riesame ha rigettato 7 ricorsi su 8. Giovedì fissato quello della Mastropietro

Operazione Castrum, il riesame ha rigettato 7 ricorsi su 8. Giovedì fissato quello della Mastropietro


GULIANOVA, 20 giugno – Ad un mese dalle ordinanze di arresto, di cui quattro in carcere ed altrettante ai domiciliari, nell’ambito dell’operazione Castrum, che avrebbe messo in luce un sistema di corruzione consolidato nel tempo, con gli appalti del Comune di Giulianova, per centinaia di migliaia di euro, affidati sempre alle stesse ditte, l’impianto accusatorio della Procura di Teramo regge al secondo banco di prova. Fino ad oggi, infatti, il Riesame ha rigettato tutti i ricorsi arrivati sul suo tavolo. Manca solo quello della dirigente comunale Maria Angela Mastropietro, che sarà discusso nella giornata di giovedì.

Al momento, dunque, restano in carcere l’imprenditore e marito della Mastropietro Stefano Di Filippo e gli imprenditori giuliesi Andrea e Massimiliano Scarafoni, così come restano ai domiciliari il socio accomandante della Ri.Ma. Sas   Sergio Antonilli, l’imprenditore edile Nello Di Giacinto, ex assessore al Comune di Giulianova, il funzionario della Asl Carmine Zippilli e l’ex presidente di Giulianova Patrimonio Filippo Di Giambattista.

 

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%