Chieti
Stai leggendo
Pensionato ucciso a Monteodorisio, la vittima aveva caviglie e polsi legati

Pensionato ucciso a Monteodorisio, la vittima aveva caviglie e polsi legati


MONTEODORISIO, 5 febbraio – Dopo i primi particolari, emersi in seguito al ritrovamento del cadavere di Antonio Lizzi, 69 anni, di Monteodorisio, è arrivata la conferma: il pensionato è stato ucciso. Il suo corpo, senza vita, è stato rinvenuto ieri sera nella sua abitazione in contrada Marracola, dove viveva da solo. L’uomo aveva i polsi e le caviglie legate, era vestito e si trovava nei pressi della porta d’ingresso. La luce in casa era accesa.


Parte da questi primi elementi l’attività investigativa dei carabinieri, che puntano ad individuare il colpevole. Sulle cause della morte non trapelano notizie ufficiali, ma dalle indiscrezioni si è appreso che l’anziano sarebbe morto per soffocamento.

Sarà l’autopsia, predisposta dalla procura vastese, a chiarire ogni dubbio e a fornire ulteriori elementi. Sarà eseguita domani mattina nell’obitorio dell’ospedale civile di Chieti.

Lizzi era da tempo vedovo e i primi ad essere ascoltati saranno i due figli. L’abitazione è stata posta sotto sequestro dai carabinieri della stazione di Cupello su disposizione della Procura della Repubblica di Vasto.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
50%
Ok
0%
Triste
50%
Arrabbiato
0%