Pescara
Stai leggendo
Pescara, Confcommercio: “Accattonaggio e bivacco fuori controllo, immagine indecorosa del centro”

Pescara, Confcommercio: “Accattonaggio e bivacco fuori controllo, immagine indecorosa del centro”


PESCARA, 30 maggio – E’ un vero e proprio grido di dolore per lo stato in cui versa il centro cittadino quello lanciato dalla Confcommercio di Pescara, che denuncia un’escalation dei fenomeni di accattonaggio e bivacco “che sempre più pervadono il centro cittadino dando un’immagine indecorosa” della  città.

Per l’associazione basta partire dalla stazione centrale in direzione Corso Umberto per subire un vero e proprio stillicidio di richieste di denaro, fatte anche con modalità aggressive e maleducate, “a volte toccando insistentemente le persone“. Tanto che diversi clienti e turisti avrebbero lamentato difficoltà a raggiungere le vie dello shopping proprio a causa dell’accattonaggio e di essere stati avvicinati anche mentre guardavano le vetrine o  fra i tavoli posti all’esterno dei ristoranti mentre mangiavano.

“E’ ormai una situazione fuori controllo che offre un’immagine indecorosa della nostra città in considerazione che il percorso in questione rappresenta il biglietto da visita che Pescara propone alla nostra clientela e ai turisti – tuona l’associazione di categoria –  A ciò si aggiungono altre situazioni incresciose in piazza Sacro Cuore dove le fontane vengono utilizzate anche in pieno giorno da gruppi di rumeni per lavarsi i piedi e quant’altro. Altro fenomeno ormai dilagante è quello del bivacco notturno: un autentico dormitorio a cielo aperto che pervade varie strade del centro e che raggiunge l’apice nell’area di risulta laddove la sera diventa davvero difficile andare a recuperare l’auto senza imbattersi in bivacchi, molestatori e persone dedite a fare i propri bisogni in prossimità delle auto”.

Per l’associazione l’immagine del principale parcheggio cittadino è ormai quella di una zona sporca, insicura, maleodorante e piena di buche. Una situazione insostenibile a fronte della quale Confcommercio chiede all’amministrazione di prendere atto della situazione ed avviare  interventi immediati, con la Polizia Municipale,  per arginare un fenomeno “che rischia di degenerare ulteriormente se non affrontato con provvedimenti d’urgenza“.

“Gli oltre 200 mila euro inopinatamente stanziati per la sistemazione del mercatino nel sottopasso della stazione, che andrebbe solo a peggiorare le cose, dovrebbero essere utilizzati per dare un immagine più decorosa dell’area di risulta e del centro cittadino – conclude l’associazione – L’intera città si aspetta questo che sarebbe un, seppur tardivo, forte segnale di utilità politica”.

 

 

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
100%