Pescara
Stai leggendo
Processo Maremonti, il testimone dell’accusa: “Prezzario e ribassi decisi dai Toto”

Processo Maremonti, il testimone dell’accusa: “Prezzario e ribassi decisi dai Toto”


PESCARA, 30 maggio 2017 –  L’adeguamento del prezzario e la riduzione dei ribassi, relativi al costo degli appalti, sarebbe stata decisa dal gruppo Toto. E’ quanto afferma, in qualità di testimone dell’accusa, l’assistente capo dei carabinieri forestali Michele Brunozzi, alla ripresa del processo “Maremonti”. Un processo lumaca, iniziato nel 2008 e culminato poche settimane fa con la prescrizione per tutti gli imputati, tra i quali figuravano il presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso e gli imprenditori Carlo, Alfonso e Paolo Toto. Restano in piedi soltanto gli illeciti amministrativi, che chiamano in causa le imprese Toto Spa, Cra Spa e R&L Srl di Carlo Strassil.

Al centro del quadro accusatorio, delineato dal pm Gennaro Varone, l’appalto per la realizzazione della Strada Statale 81 nell’area Vestina, la cosiddetta Mare-Monti, che in realtà non ha mai visto la luce. Un appalto che, a giudizio dell’accusa, sarebbe stato vinto dai Toto con un’offerta “anomala e anti-economica”, con le cifre che sarebbero state poi ritoccate al rialzo tramite perizie di variante.

Questo uno dei passaggi più significativi della testimonianza resa in aula da Brunozzi, questa mattina, davanti al tribunale collegiale di Pescara:

“L’adeguamento del prezzario, dal 1999 al 2006, è stato deciso in una riunione a Roma il 28 marzo 2007, come testualmente riportato dal protocollo 59 del commissario straordinario. L’incremento del prezzario è stato chiesto dalla Toto Spa. Durante una perquisizione effettuata presso il domicilio del commissario straordinario Valeria Olivieri, è stato sequestrato un atto, su carta intestata Toto Spa, con un appunto manoscritto denominato ‘offerta prezzi’, che rappresenta le quantità delle materie prime, ricavi e costi, con il prezzario, dove alla fine del foglio viene annotata la determinazione dell’incremento medio da applicare del 61%”.

Sotto la lente dell’accusa anche la riduzione dei ribassi rispetto a quanto originariamente stabilito. Queste le parole dell’investigatore:

“Il 28 febbraio del 2007 il commissario straordinario Valeria Olivieri deposita la proposta transattiva riservata per la riattivazione dei lavori all’impresa affidataria, in pratica viene affidato il primo tratto dell’autostrada alla Toto Spa, dal chilometro 102 al chilometro 107, e vengono definiti i nuovi termini contrattuali, ovvero il ribasso viene portato dall’originario 31,2% al 7%. Il ribasso è stato stabilito dalla Toto Spa, come dimostrano alcune e-mail sequestrate del 2006”.

Brunozzi cita uno scambio di e-mail tra Vecchiarelli della R&L e i dipendenti della Toto Spa, Consalvo e Crognale, nelle quali si parla di “rideterminazione dei costi di costruzione in modo da poter determinare un nuovo ribasso, da noi ritenuto accettabile per la riconsegna dell’opera”. Il testimone aggiunge, citando un’e-mail del 3 aprile 2007:

“Siamo nella fase dopo il deposito della relazione del commissario straordinario. Il dirigente della Toto Spa, Rapposelli, invia ad Alfonso Toto un file pdf nel quale è riportato il quadro economico del progetto del 2006, elaborato al 19 dicembre 2006, nel quale la Toto Spa indica chiaramente un ribasso del 7%, che poi verrà stabilito dal commissario staordinario due mesi dopo”.

A quel punto il pm Gennaro Varone commenta:

“Quindi è come se Toto conoscesse le cifre del ribasso con due mesi di anticipo”.

Brunozzi annuisce e i legali delle difese insorgono.

Il  carabiniere forestale riferisce anche di un episodio riguardante la R&L, amministrata da Sergio Strassil, figlio di Carlo Strassil, che aveva ricevuto un appalto per svolgere indagini geologiche e geotecniche:

“I lavori sono stati subappaltati ad altre due società, la Italgeo per 24mila euro e la Sit Lavori per 26mila euro. La fattura presentata all’Anas da parte della R&L era però di 300mila euro. In un file excel è stata riportata la quantità di metri effettivamente interessati dal lavoro, mentre in sede di fatturazione questi quantitativi sono stati ritoccati al rialzo”.

Nel corso dell’udienza, alla quale era presente Carlo Strassil, sono state respinte le eccezioni presentate dal legale di quest’ultimo, che aveva invocato una sentenza di proscioglimento.

Il giudice Rossana Villani ha aggiornato l’udienza al prossimo 21 novembre, quando sarà ascoltata circa la metà dei 30 testimoni citati dall’accusa.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%