L'Aquila
Stai leggendo
Santa Croce diffida Norda, è guerra dell’acqua attorno alla concessione della sorgente di Canistro

Santa Croce diffida Norda, è guerra dell’acqua attorno alla concessione della sorgente di Canistro


CANISTRO, 24 maggio 2017 – Ormai è diventata una vera e propria “guerra dell’acqua”. La Santa Croce Spa ha inviato una lettera di diffida alla società Norda Spa, minacciando di adire le vie legali e azioni risarcitorie, qualora agenti e dipendenti dell’azienda dei fratelli Pessina, aggiudicataria provvisoria della concessione della sorgente Sant’Antonio Sponga di Canistro, continuino ad affermare pubblicamente di aver acquisito la Spa del patron Camillo Colella.


La notizia è stata diffusa dalla stessa azienda, attraverso una nota firmata dai legali Roberto Fasciani e Giulio Mastroianni. La circostanza sarebbe stata riferita da agenti e clienti della Santa Croce, che sarebbero pronti a fornire la propria testimonianza:

“Sulla veridicità di tali fatti, i clienti si sono dichiarati disponibili a rendere testimonianza scritta e orale. A ogni buon conto vi invitiamo a ogni opportuno approfondimento presso la vostra rete commerciale. La recente aggiudicazione conseguita dalla Norda Spa, della concessione mineraria Sant’Antonio Sponga, peraltro provvisoria e sub iudice, non legittima in alcun modo i vostri collaboratori alla diffusione di notizie contrarie al vero e all’improprio utilizzo della denominazione Santa Croce, marchio registrato e di proprietà esclusiva”.

I legali dunque minacciano di:

“chiedere nelle opportune sedi giudiziarie il risarcimento dei danni commerciali, patrimoniali e non patrimoniali, in quanto le false comunicazioni stanno generando estrema confusione nel mercato e nella clientela”.

Da qui la diffida:

“Diffidiamo i dipendenti, collaboratori e addetti alla vendita della Norda Spa a diffondere la falsa notizia di una pretesa acquisizione della Santa Croce e all’improprio utilizzo di questo marchio, evenienza che ci sta cagionando gravi danni. La Santa Croce Spa era concessionaria della sorgente Sant’Antonio Sponga ed è proprietaria dell’omonimo marchio, delle infrastrutture, degli impianti e dello stabilimento nel centro marsicano che Colella ha più volte ribadito e confermato, a tutt’oggi, di non voler vendere né affittare. La società dell’imprenditore molisano ha attivato un serrato contenzioso con la Regione Abruzzo su una serie di illegittimità e illegalità subite nella revoca della precedente concessione”.

La Norda Spa, del gruppo dei fratelli Pessina, che sono anche gli editori del quotidiano l’Unità e titolari di marchi nazionali come la Sangemini e la Monticchio Gaudianello, si è aggiudicata il 22 marzo scorso, provvisoriamente, la concessione delle sorgenti Sant’Antonio Sponga di Canistro. Per l’affidamento definitivo si deve attendere il pronunciamento del via sul progetto del nuovo stabilimento.

Nella lettera diffida gli avvocati ribadiscono che:

“quello dell’acqua Santa Croce, marchio affermato a livello italiano, è di esclusiva proprietà della holding di Colella, a prescindere dalla titolarità della sorgente Sant’Antonio Sponga e confermano che la società di Colella sta facendo fronte a tutte le richieste, accontentando tutti i suoi clienti, utilizzando altri stabilimenti”.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%