Teramo
Stai leggendo
Silvi, la Sinistra molla Comignani. Partipilo si smarca e resta vicesindaco

Silvi, la Sinistra molla Comignani. Partipilo si smarca e resta vicesindaco


SILVI, 25 marzo – La sinistra molla Comignani, e lo fa dopo che l’approvazione della variante al Prg di Silvi, su cui il Pd è voluto andare avanti da solo incurante della contrarietà degli alleati, ha sancito la rottura definitiva tra le varie componenti della coalizione. Una rottura che consentirà comunque all’amministrazione Comignani di continuare a governare, avendone i numeri, seppur risicati, ma che apre una ferita difficilmente sanabile nel centrosinistra.

“L’approvazione della variante al Prg di Silvi, avvenuta con il contributo esclusivo e determinante del Pd locale, ha definitivamente aperto la strada a nuovi scenari futuri per l’azione politica e amministrativa del gruppo Silvi 2024 – scrivono i consiglieri comunali Antonio Del Vecchio e Nazzaro Pelusi – Un’approvazione che è stata solo la conclusione di un percorso, cominciato già da qualche tempo, che ci ha condotto inevitabilmente alla difficile e sofferta decisione di interrompere il sostegno all’amministrazione Comignani”.

Una decisione assunta anche alla luce degli incontri avutio dal gruppi in questi giorni con cittadini, sostenitori e simpatizzanti, e di un programma elettorale che non sarebbe stato rispettato.

“Di quelle proposte e di quelle promesse rimane ben poco – continuano i consiglieri – e troppe volte è stato fatto il contrario. La variante al Prg è la scelta finale del ‘nuovo’ corso, che sancisce in maniera definitiva ed inequivocabile il tradimento dei nostri elettori: l’ennesimo cambio di programma, imposto dal Pd locale, preceduto dal mantenimento dell’attuale contratto sui rifiuti e dall’approvazione, a gennaio, del bilancio di previsione non partecipato, non condiviso e sicuramente poco solidale”.

Da qui la decisione di abbandonare Comignani, di cui i due consigliere contestano l’arroganza e la scelta di andare avanti solo con il Pd.

“Il Sindaco ed il Pd di Silvi hanno i numeri per arrivare a fine mandato – continuano – Ma i danni sono fatti e crediamo a questo punto che, per il rispetto dei cittadini, si debba andare ad elezioni anticipate. Silvi 2024, all’interno del consiglio comunale, manterrà i suoi impegni verso le istanze e gli interessi di Silvi e dei silvaroli, e sarà attenta a ogni atto amministrativo e politico della giunta e del sindaco”.

Una rottura che segna anche la fine dell’esperienza comune, almeno in questo frangente, con Vito Partipilo, che ha scelto di conservare la carica di vicesindaco, e proseguire il suo percorso a fianco di Comignani.

“Non condividiamo questa scelta, sicuramente dolorosa e difficile, ma la rispettiamo – concludono – Auguriamo a Vito buon lavoro, con rinnovata stima per la passione e l’impegno profuso, ringraziandolo per l’importante contribuito che ha permesso a Silvi 2024 di essere oggi una rispettata, leale ed onesta realtà politica locale”.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
100%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%