L'Aquila
Stai leggendo
Sulmona, chiedeva soldi ai cittadini spacciandosi per finanziere o avvocato. Rinviato a giudizio

Sulmona, chiedeva soldi ai cittadini spacciandosi per finanziere o avvocato. Rinviato a giudizio


SULMONA, 13 gennaio – Chiedeva danaro ai cittadini, nella zona della Valle Peligna, spacciandosi talvolta per finanziere e talvolta per avvocato, a seconda delle convenienze e delle circostanze. E’ stato individuato e denunciato alla Procura di Sulmona, con l’accusa di truffa aggravata, dagli uomini della locale compagnia della Guardia di Finanza. Nei guai è finito un 48enne di origini campane, che è stato rinviato a giudizio dall’autorità giudiziaria della città peligna.

Le persone alle quali era stato chiesto indebitamente danaro sono in gran parte titolari di attività commerciali. Le indagini sono scattate in seguito alle segnalazioni di alcuni imprenditori, insospettiti dalle anomale richieste di danaro. Il truffatore, qualificandosi come ispettore della Guardia di Finanza dell’Aquila, chiedeva loro soldi che sarebbero serviti per realizzare eventi pubblici in prossimità delle loro attività commerciali.

Per rendere più credibile il ruolo interpretato, il falso maresciallo in alcuni casi redigeva e rilasciava alle vittime dei raggiri verbali falsi ed autorizzazioni amministrative fittizie. Nel ruolo di avvocato, invece, il truffatore prospettava alle proprie vittime ingenti risarcimenti nell’ambito delle cause civili ed amministrative che avrebbe condotto in loro favore. In questi ultimi casi, i soggetti truffati dovevano versare cospicue somme di denaro a titolo di anticipo spese.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
50%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
50%