Pescara
Stai leggendo
Pescara, sbloccato l’appalto per Via Tronto. Entro la primavera 2019 saranno completati 64 appartamenti

Pescara, sbloccato l’appalto per Via Tronto. Entro la primavera 2019 saranno completati 64 appartamenti


PESCARA, 17 settembre – Dopo uno stop durato 11 anni è stato sbloccato l’appalto per il contratto di quartiere di via Tronto, la cui gara è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale numero 107 del 15 settembre. Appalto che segue l’approvazione del progetto esecutivo da parte della giunta comunale, avvenuta il primo giugno, e che vede come criterio di aggiudicazione  quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa, con un importo stimato  pari a 4.057.570,24 di euro, di cui 108.256,87 euro per oneri della sicurezza.

La durata del contratto è di 540 giorni naturali e consecutivi decorrenti dalla data del verbale di inizio lavori, mentre le offerte dovranno essere formalizzate entro 35 giorni dalla pubblicazione.

“Come abbiamo annunciato a giugno si tratta di un appalto su cui abbiamo lavorato con grande determinazione – sottolineano  il sindaco Marco Alessandrini e il vice sindaco e assessore ai lavori pubblici Antonio Blasioli – Ci sentiamo di fare inoltre due ringraziamenti, all’architetto Tommaso Vespasiano, a capo del dipartimento tecnico del Comune e al geometra Giuliante che hanno voluto recepire velocemente il nostro input relativo alla necessità di completamento di questa incompiuta e al settore gare ed appalti dell’Ente, che dopo l’emergenza di via Lago di Borgiano ha concesso un’attenzione preferenziale a questa gara” .

La progettazione definitiva ed esecutiva della palazzina, che conta 64 appartamenti, è stata approvata il 1 giugno con una delibera di giunta e da cronoprogramma  gli appartamenti dovrebberp essere pronti per aprile-maggio 2019.

“Indubbiamente questo progetto rappresenta qualcosa in più di una speranza per le 80 famiglie costrette a lasciare le palazzine di via Lago di Borgiano. Inoltre Oggi possiamo togliere dall’elenco delle incompiute un’altra opera, che dal 2006 staziona in una parte sensibile di città, qual è via Tronto, all’inizio di una delle periferie più a rischio della città, su questa amministrazione ha rivolto una particolare attenzione – continuano i due amministratori – La procedura nasce con un progetto sperimentale di edilizia sovvenzionata nel 2001, incardinato presso il Ministero delle infrastrutture. Comune di Pescara, Ater, Regione Abruzzo e per l’appunto Ministero sono i soggetti che diedero vita al contratto di quartiere. L’importo stanziato da questi soggetti è pari a 18.309.853,50 di euro. Nel 2004 venne approvato il progetto definitivo dell’opera; nel 2005 venne approvato il progetto esecutivo; nel 2006 la prima gara individuò la società realizzatrice: s”ocietà costruzioni Generali & Appalti Co. G. & AP. S.p.A. di Napoli”.

Da allora però è rimasto tutto bloccato e nel nl 2013 è stata determinata la risoluzione in danno, riconoscendo un importo dei lavori eseguiti in  5.823.335,32 euro (di cui 5.116.244,11 sull’immobile ad oggi e 707.091,11 per altro immobile che ha avuto adeguamento strutturale, impiantistico e rimozione copertura in eternit).

“Nel 2016 la R.T.I. “Insight Co. S.r.l (capogruppo), si è occupata della nuova progettazione esecutiva per un importo progettuale di 5.032.790,28 euro – concludono Alessandrini e Blasioli – e nel 2017 il Provveditorato alle opere pubbliche per l’Abruzzo e la Sardegna ha approvato il progetto”.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%