Teramo
Stai leggendo
Carenze igienico sanitarie e violazioni delle norme anti Covid: chiusura della cucina e sanzioni per un albergo a Prati di Tivo

Carenze igienico sanitarie e violazioni delle norme anti Covid: chiusura della cucina e sanzioni per un albergo a Prati di Tivo

PIETRACAMELA, 1 settembre – I carabinieri   della stazione di Pietracamela,  in collaborazione  con i colleghi del Nas di Pescara e del Nil di  Teramo e con l’ausilio  del personale dell’ispettorato del lavoro e della Asl di Teramo hanno effettuato un controllo in un’albergo ai Prati di Tivo, rilevando numerose violazioni anche in termini di rispetto della normativa anti Covid. E così per la struttura è scattata la sospensione temporanea dell’attività di cucina annessa al ristorante dell’albergo e sanzioni per oltre diecimila euro.

Nel  corso dell’ispezione i militari hanno infatti scoperto il mancato rispetto delle norme igienico-sanitarie,  (da qui la sospensione dell’attività di cucina fino al ripristino delle corrette condizioni), la  mancata  attuazione delle  procedure di tracciabilità, degli  alimenti, l’assenza di informazioni ai consumatori sulla presenza di allergeni negli alimenti somministrati .

Inoltre i carabinieri hanno riscontrato anche violazioni delle normative anti Covid: nello  specifico, secondo i militari, era consentito l’accesso alla piscina dell’albergo anche a chi era  sprovvisto di  green pass  (per tale motivo sono stati sanzionati sia  il  gestore che  un cliente), non veniva rispettato l ’ obbligo , previsto per i locali pubblici e aperti al pubblico, di esporre all’ingresso del locale un cartello con il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale e , più  in  generale , non venivano rispettati i contenuti  del  protocollo  condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto ed il contenimento della diffusione del  virus covid19 negli ambienti di lavoro .

Infine i militari hanno verificato anche l’ installazione  di  un  impianto  di  videosorveglianza idoneo al  controllo  a distanza de lavoratori  dipendenti,  in    mancanza    di    apposita    autorizzazione da parte dell’ispettorato territoriale del lavoro di Teramo . In totale nei confronti del gestore della struttura sono state contestate sanzioni per un ammontare  di  oltre  diecimila  euro,  oltre  alla  sospensione dell’attività del laboratorio di cucina, mentre  nei confronti del   cliente fruitore del servizio di  piscina sprovvisto di green pass la sanzione amministrativa è stata di 400 euro.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%