Teramo
Stai leggendo
Comune di Teramo: mozione per la cittadinanza onoraria ai figli di immigrati nati in Italia

Comune di Teramo: mozione per la cittadinanza onoraria ai figli di immigrati nati in Italia


TERAMO, 7 novembre – Una mozione per riconoscere la cittadinanza onoraria ai figli di immigrati nati in Italia e residenti a Teramo. A proporla la consigliera comunale di “Insieme Possiamo” Ilaria De Sanctis, che la presenterà ufficialmente nel prossimo consiglio comunale impegnando sindaco e giunta a tutta una serie di attività volte a promuovere l’integrazione.

Perché, come sottolinea la consigliera, i fenomeni migratori mettono i diversi territori di fronte a sfide importanti, con i temi dell’integrazione e dell’inclusione che diventano fondamentali nella costruzione del futuro del paese. Nella mozione De Sanctis richiama la convenzione europea sulla nazionalità, così come l’articolo 3 della Costituzione italiana, secondo il quale “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”, rivendicando la necessità per il Comune di Teramo di lanciare un segnale importante al Parlamento e al Governo.

Segnale che, in un momento in cui al Senato di discute di Ius soli temperato e Ius soli culturae, la consigliera individua proprio nel riconoscimento della cittadinanza onoraria ai piccoli immigrati residenti a Teramo. Riconoscimento che rappresenterebbe un prezioso contributo per un’opera di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sul tema, non avendo ovviamente  valore giuridico ma solo simbolico.

Da qui la decisione di presentare una mozione che impegni sindaco e giunta non solo a conferire, come atto simbolico, la cittadinanza civica onoraria ai bambini nati nel territorio italiano e figli di immigrati stranieri residenti a Teramo, ma anche a promuovere la rapida approvazione della legge in Senato attraverso la partecipazione nelle sedi di concertazione istituzionale cui il Comune aderisce, a promuovere una serie di iniziative dirette a sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi dell’integrazione e dell’accoglienza e dell’inclusione e a prendere atto dell’assoluta necessità di affermare il diritto della non discriminazione tra i bambini e gli adolescenti che vivono in Italia, promuovendo tutte le azioni dirette per eliminarle ingiuste limitazioni del godimento dei diritti e facoltà di confronto delle persone che “sin dalla nascita, sono inserite nella vita sociale e civile del nostro Paese”.

Mi sento...
Felice
100%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%