Pescara
Stai leggendo
Cremonese-Pescara 0-0, biancazzurri poco zemaniani. Un miracolo di Ujkani nega la vittoria

Cremonese-Pescara 0-0, biancazzurri poco zemaniani. Un miracolo di Ujkani nega la vittoria


CREMONA, 23 settembre – Il Pescara meno zemaniano della stagione conquista un punto sul campo della Cremonese. Per la prima volta i biancazzurri non vanno in gol, per la prima volta creano occasioni con il contagocce e per la prima volta concedono pochissimo all’avversario. Un passo indietro sotto il profilo del gioco e della manovra, nel corso di una gara giocata costantemente sotto ritmo. Le cose vanno leggermente meglio nella ripresa, ma senza acuti. Il pareggio è la logica e giusta conseguenza di una gara poco spettacolare.

Zeman conferma l’undici che ha pareggiato in casa contro l’Entella, con uniche eccezioni Zampano al posto di Crescenzi e Bovo in luogo dell’infortunato Perrotta. Brugman è nuovamente schierato nel ruolo di play. La Cremonese di Tesser si affida alla vivacità offensiva di Piccolo, Brighenti e Paulinho, e al dinamismo di un centrocampo esperto e battagliero.

PRIMO TEMPO

La prima occasione del match è per i padroni di casa con Piccolo, che al 4′ spara alto dal limite. Ancora i grigiorossi pericolosi un minuto dopo, con una gran botta di Brighenti da fuori che scheggia la traversa. Biancazzurri in difficoltà, nei primi minuti, con i padroni di casa padroni del campo. Non si accende la luce nella mediana biancazzurra, con i tre di centrocampo che fanno fatica ad innescare gli attaccanti e soffrono il pressing avversario.

Con il passare dei minuti il Pescara conquista metri, ma le occasioni scarseggiano. E’ anzi la Cremonese ad andare in gol, al 27′, con l’arbitro che annulla per un evidente fuorigioco. La prima conclusione dei biancazzurri arriva al 34′ con Brugman: tiro da 30 metri, debole e centrale, che Ujkani blocca senza problemi. Ancora il centrocampista uruguaiano da fuori, al 39′, ma la palla si perde sul fondo.

Al 41′ è Pettinari, libero in area su assist di Brugman, a divorarsi un gol a tu per tu col portiere. Sul ribaltamento di fronte Paulinho affonda sulla sinistra e Pigliacelli ci mette una pezza deviando in corner. Si va al riposo senza altre emozioni. Pescara molle, impreciso e quasi mai pericoloso: è il peggior primo tempo dall’inizio del campionato

SECONDO TEMPO

Nella ripresa la musica non cambia. I ragazzi di Zeman fanno fatica ad alzare il ritmo. Pericolosissimo Piccolo sulla sinistra, al 5′, con un diagonale velenoso che finisce fuori. Tra i biancazzurri malissimo Del Sole, che non riesce mai a saltare l’uomo e sbaglia sistematicamente la giocata nelle poche occasioni in cui è chiamato in causa. Impalpabile Valzania a metà campo.

Al 16′ è Brugman a salvare il risultato, murando in area una conclusione a botta sicura del neo entrato Castrovilli. Zeman prova a smuovere le acqua a metà campo: fuori uno spento Valzania e dentro il senegalese Kanoutè, che agisce da play basso. Brugman avanza nel ruolo di mezzala. Una mossa che sortisce qualche effetto, perchè il Pescara alza i ritmi e guadagna metri.

La Cremonese scompare, ma il Pescara fatica a trovare sbocchi in avanti. Dentro anche Baez, che si incaponisce con qualche dribbling di troppo. Al 32′ clamoroso palo di Brugman, su assist dalla destra proprio di Baez. Sulla ribattuta Pettinari deposita in rete, ma l’arbitro annulla per fuorigioco.

I biancazzurri prendono convinzione e conducono il gioco. Zeman fa entrare Ganz al posto di Pettinari. L’ex punta del Verona, in dieci minuti più recupero, non riesce a lasciare il segno. Si arriva stancamente al novantesimo, con il Pescara che non sfrutta a dovere un paio di buone ripartenze. In pieno tempo di recupero Castrovilli atterra Capone al limite dell’area. Il calcio di punizione di Kanoutè è destinato all’incrocio dei pali, ma Ujkani vola e compie il miracolo. Gara brutta e pareggio giusto. Non è il Pescara di Zeman.

CREMONESE (4-3-1-2): Ujkani, Almici, Canini, Marconi, Renzetti, Pesce, Cavion, Arini, Piccolo (14′ st Castrovilli), Brighenti (39′ st Scappini), Paulinho (21′ st Mokulu). A disposizione: Ravaglia, Procopio, Salviato, Davino, Perrulli, Scarsella, Macek, Cinelli, Garcia. All: Attilio Tesser

PESCARA (4-3-3): Pigliacelli, Zampano, Bovo, Coda, Mazzotta, Coulibaly, Brugman, Valzania (17′ st Kanouté), Del Sole (27′ st Baez), Pettinari (35′ st Ganz), Capone. A disposizione: Fiorillo, Crescenzi, Balzano, Benali, Elizalde, Fornasier, Carraro, Cappelluzzo. All: Zdenek Zeman

ARBITRO: Fourneau di Roma

CORNER: 7 a 5 per la Cremonese

AMMONITI: Paulinho (C), Coda (P), Marconi (C), Brugman (P)

 

Si ringrazia l’ufficio stampa del Pescara per la foto

 

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
100%
Triste
0%
Arrabbiato
0%