L'Aquila
Stai leggendo
L’Aquila: Coldiretti inaugura il “mercato della rinascita” /FOTO

L’Aquila: Coldiretti inaugura il “mercato della rinascita” /FOTO


L’AQUILA, 11 luglio – Dallo zafferano di Navelli alle lenticchie di Santo Stefano di Sessanio, dalla mortadella di Campotosto al caciofiore aquilano, dal pecorino amatriciano al canestrato di Castel del Monte fino ad arrivare alle patate di Montereale. Sono solo alcuni dei prodotti simbolo della rinascita, dopo i terremoti del 2009 e del 2017, che si possono trovare da oggi nel primo mercato di Campagna Amica dell’Aquila, inaugurato questa mattina in via Celano 33, in località Torretta (complesso Il Quadrante).

Un mercato le cui caratteristiche sono state illustrate questa mattina nel corso dell’inaugurazione, e che conferma il percorso di crescita della rete di Campagna Amica: una rete che “punta a valorizzare il prodotto agricolo e la filiera corta rispettando le necessità dei consumatori più esigenti“. Non un semplice luogo di compravendita, dunque, ma “un punto di alta socialità tra chi produce e consuma ma anche per coloro che credono nella rinascita di tutta la provincia aquilana a partire dalla città capoluogo di regione“.

Diciassette i produttori agricoli coinvolti, con  banconi del mercato che ospitano tanti  prodotti salvati dal sisma, ma anche tante tipicità delle altre province, con il preciso intento di generare un impatto economico diretto su queste zone per fermare l’abbandono delle campagne duramente colpite. E poi ci sono i tutor della spesa: produttori con l’immancabile grembiule di Campagna amica che seguono i clienti per “raccontare” le proprie produzioni dando consigli utili su come pulire, cuocere e conservare i vari cibi.

“Dietro ogni prodotto salvato dal terremoto c’è infatti tanta voglia di ricominciare. L’apertura di questo mercato – commenta il direttore di Coldiretti Abruzzo Giulio Federici – testimonia la crescita della rete a marchio Campagna Amica ma soprattutto l’obiettivo consolidato da parte di Coldiretti di essere sempre più riferimento e incontro tra produttori e consumatori. Abbiamo aperto a L’Aquila con il chiaro intento di lanciare un segnale di speranza e di rinascita. Ci rivolgiamo ai consumatori che vogliono far rinascere l’agricoltura di questa provincia e le tante tipicità che hanno fatto conoscere l’Abruzzo nel mondo. Un modo per ‘salvare’ il territorio partendo da bene più apprezzato: il cibo”.

All’inaugurazione di questa mattina, in un mercato vestito a festa per l’occasione tra degustazione di prodotti tipici e l’immacabile taglio del nastro, erano presenti il Direttore regionale di Coldiretti Abruzzo Giulio Federici, il direttore provinciale Massimiliano Volpone, il neoeletto presidente di Coldiretti L’Aquila Angelo Giommo e il consigliere ecclesiastico di Coldiretti Don Juve Velondrazana insieme ad Elisabetta Montesissa e Giovanni Manfroni della Fondazione Campagna amica, all’assessore all’agricoltura della Città dell’Aquila Francesco Bignotti, al presidente della Camera di Commercio Lorenzo Santilli, al dirigente dell’Aquila Rugby Club Luigi Fabiani e a tanti altri oltre a tutti produttori che in forma stabile occuperanno i locali di via Celano per la vendita diretta delle eccellenze del territorio abruzzese e principalmente aquilano.

“Il mercato è in un luogo di passaggio che attualmente risponde alle diverse esigenze degli aquilani – sottolinea Federici – appena le condizioni generali e logistiche del centro storico ce lo permetteranno sarà nostro impegno spostarlo nel cuore della città in segno concreto di rinascita e riscatto”.

Il mercato sarà  aperto ogni mercoledì, venerdì e sabato dalle 7.30 alle 14.30 ed ospiterà le seguenti aziende agricole:I sapori della terra di San Pio delle Camere (cereali, zafferano, legumi e miele); Azienda agricola Angelini Enzo di Cugnoli (ortofrutta), M.A.D.E di Pratola Peligna (uova, legumi, conserve, aglio rosso), La Mascionara di Campotosto (formaggi, salumi, carni fresche ovine, bovine e suine), azienda agricola De Santis Pietro di Montereale (patate di Montereale, legumi, farro e cereali), Di Bendetto Salvatore (ortaggi del Fucino), Frantoio Hermes di Penne (olio extravergine di oliva), Fattoria Ferzetti di Penne (vini, pasta e olio bio), Valpeligna (vini) di Pratola Peligna, azienda agricola zootecnica Maggi Francesco Simone di Secinaro (cereali, farine e pasta bio), azienda agricola Silvestri Enrica di Introdacqua (pane e dolci), azienda agricola Cioti Filiberto di Campli (vino, olio e patate), azienda agricola Ottaviani di Scrimieri Daniela di Capestrano (olio e conserve), azienda agricola De Crescentis Antonio di L’Aquila (tartufi, zafferano, legumi o ortaggi), Birrificio Ramoni di Teramo, Vini Biagi di Colonnella, azienda agricola Genuina di Castellalto (focacce).

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%