Pescara
Stai leggendo
Manoppello, Finanza scopre gioielleria con due contabilità: evasi 7 mln di euro. Quattro denunce

Manoppello, Finanza scopre gioielleria con due contabilità: evasi 7 mln di euro. Quattro denunce


PESCARA, 21 febbraio – Scoperta, dalla Guardia di Finanza di Pescara, un’evasione di 7 milioni di euro da parte di una gioielleria di una società con sede a Manoppello. Quattro le persone denunciate per violazione dell’articolo 4 D.Lgs. n.74/2000, dichiarazione infedele.

Gli accertamenti dei finanzieri sono scattati considerando l’elevato tenore di vita di un imprenditore che, tuttavia, non era intestatario di auto o altri beni, anzi, risultava dipendente della società. Le indagini, durate un anno, hanno permesso di ricostruire che la società, con uno stratagemma informatico, deteneva due contabilità: una ufficiale e artefatta, in base alla quale venivano redatte dichiarazioni di redditi e Iva che chiudevano in perdita o con utili trascurabili; l’altra, reale e occulta, con l’effettivo ammontare delle transazioni, dei movimenti di cassa e del magazzino, che chiudeva con saldi annuali positivi e utili straordinari. Accertata l’evasione di imposte sui redditi per oltre 5,7 milioni e di Iva per oltre 1,2 milioni.

La situazione emersa era caratterizzata da una sistematica antieconomicità della struttura imprenditoriale, che non sembrava avere mezzi di sostentamento plausibili, con continue perdite nei bilanci a fronte di rimanenze finali di importo rilevante.

Nonostante ripetuti trasferimenti di quote e nomina formale di terzi amministratori (familiari e stretti collaboratori), la gestione dell’attività restava nelle mani dell’imprenditore che poteva disporre a piacimento dei conti societari.

L’attività investigativa ha portato al sequestro di un server contenente la contabilità parallela a quella ufficiale, nascosto in un appartamento di uno dei soci.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
100%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%