Pescara
Stai leggendo
Pescara-Empoli, scintille tra tecnico e giocatori. Epifani: “Pretendo rispetto”

Pescara-Empoli, scintille tra tecnico e giocatori. Epifani: “Pretendo rispetto”


PESCARA, 25 marzo – Acque agitate in casa Pescara, dopo la terza sconfitta in quattro gare della gestione Epifani. Nel corso della gara di oggi sono emersi segnali preoccupanti anche nei rapporti tra il tecnico e alcuni giocatori.

A tenere banco, nel dopo partita, sono i casi Pettinari e Fornasier. L’attaccante, una volta sostituito, non ha nascosto il proprio malumore nei confronti del tecnico. Al riguardo Epifani è chiaro:

“Il rigore non l’ho visto in campo, ma solo negli spogliatoi e certo fa rabbia tirare un rigore che può essere decisivo così piano. Per quanto riguarda la reazione di Pettinari alla sostituzione, viene sempre prima il Pescara e, se qualcuno non si allinea, ne prenderò atto e farò delle scelte”.

Scelte come quelle che hanno determinato, ad inizio ripresa, la sostituzione di Fornasier, che dopo il gol dell’Empoi ha avuto un battibecco con la panchina del Pescara:

“Fornasier non lo avete rivisto in campo proprio per l’attegiamento che avuto. Su queste cose non transigo, pretendo rispetto per il pubblico che paga il biglietto e per i compagni di squadra”.

Secondo l’allenatore del Delfino, ad ogni modo, non c’è alcun dubbio sulla compattezza della squadra:

“Lo spogliatoio è sanissimo. Basta vedere la partita di oggi e quella di Avellino per capire che la squadra è sotto controllo. Certi segnali, come quelli dati oggi a Fornasier, servono per esortare la squadra a remare tutta dalla stessa parte. In questo momento bisogna prima pensare al noi e poi all’io. Io c”.

Quindi l’analisi della gara:

“La squadra percepisce il momento negativo, ma è comunque tranquilla. Il primo tempo di oggi può sembrare quello di una partita fatta male, ma in realtà noi l’avevamo preparata proprio così. Abbiamo incontrato la squadra più forte del campionato, che in fase di palleggio è la migliore e che di solito crea 8-9 palle gol a partita, mentre oggi ha avuto poche occasioni. Noi abbiamo avuto episodi come il palo, il rigore e la grande occasione di Brugman nel secondo tempo, che ci avrebbero potuto regalare il pareggio. Purtroppo non è andata così, però la squadra è compatta, lotta e ha voglia di tirarsi fuori da questa situazione. Non incontreremo sempre l’Empoli”.

Sul fronte opposto è soddisfatto l’allenatore dei toscani Aurelio Andreazzoli:

“Abbiamo giocato il primo tempo con una penna stilografica di marca e il secondo con il gesso. Alla fine si scrive lo stesso, l’importante è arrivare all’obiettivo. Oggi abbiamo giocato contro una squadra di casa che non ci stava a perdere e abbiamo dimostrato che ci stiamo abituando anche alla sofferenza. Però quando ti esprimi con la padronanza del primo tempo, devi avere la cattiveria per raddoppiare e non puoi rischiare di andare al riposo sull’1-1”.

Il tecnico dell’Empoli elogia il Pescara:

“E’ una squadra importante, che oggi ha dimostrato di avere individualità e capacità di rilievo”.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%