L'Aquila
Stai leggendo
Scanno, dirigente finanziario del Comune arrestato per peculato

Scanno, dirigente finanziario del Comune arrestato per peculato


SCANNO, 11 novembre – Arrestato, con l’accusa di peculato continuo, il responsabile dell’area finanziaria dei Comuni di Scanno, Introdacqua e Rocca Pia. Cesidio Spacone, ragioniere di 61 anni, secondo l’accusa avrebbe distratto dalle casse del Comune di Scanno circa 80mila euro e si sarebbe appropriato di una somma pari a 17.500 euro, sempre in danno dello stesso Comune, assegnandosi in aggiunta al proprio stipendio una serie di indennità non spettanti. L’uomo è ai domiciliari. 

L’arresto, disposto dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Sulmona Giovanna Bilò, è stato eseguito dai Carabinieri della Compagnia di Castel di Sangro. Le indagini sono state coordinate dal procuratore di Sulmona Giuseppe Bellelli e sono state condotte dai militari della stazione di Scanno in collaborazione con la sezione di polizia giudiziaria della Procura sulmonese. L’attività investigativa è scattata dopo una denuncia presentata in Procura, a Sulmona, dal sindaco di Scanno, Pietro Spacone, a settembre scorso, relativa a un presunto ammanco di denaro dalle casse comunali.

I militari hanno sentito numerosi dipendenti dei Comuni di Scanno, Introdacqua e Rocca Pia, dove il ragioniere svolgeva l’incarico di responsabile dell’area finanziaria e hanno eseguito perquisizioni negli uffici comunali utilizzati dall’uomo e nel suo domicilio.

Oltre ai domiciliari, il gip ha disposto la sospensione dall’esercizio del pubblico ufficio per il ragioniere. Sono in corso accertamenti per stabilire se risultino ammanchi anche dalle casse dei Comuni di Introdacqua e Rocca Pia.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
100%
Arrabbiato
0%