Chieti
Stai leggendo
Vasto, soldi per sistemare il caro estinto: arrestati tre dipendenti del servizio cimiteriale

Vasto, soldi per sistemare il caro estinto: arrestati tre dipendenti del servizio cimiteriale


VASTO, 4 luglio  – Una gestione parallela del cimitero, allestita per incassare denaro. Accuisati di induzione indebita a dare o promettere utilità e di vilipendio di cadavere sono finiti agli arresti domiciliari il custode del cimitero di Vasto,  Franco D’Ambrosio, 60 anni, il necroforo Antonio Recinelli, 65 anni e l’operaio Luisito Lategano di 45 anni.

Una lunga indagine, quella condotta dai Carabinieri di Vasto, che ha consentito di ricostruire un quadro di attività illecite che durava da tempo. I tre ricevevano nel loro ufficio al cimitero i parenti dei defunti che, in un momento emotivamente difficile, erano disposti a pagare il denaro richiesto pur di sistemare il parente.

Loro tre pur di incassare facevano di tutto: riunivano persino più cassette nello stesso loculo, senza nemmeno comunicarlo ai familiari.

L’attività è stata ricostruita anche grazie a intercettazioni telefoniche e ambientali. Le indagini proseguono anche per valutare quale sia il danno per il comune di Vasto.

“Piena fiducia nell’operato delle forze dell’ordine e delle autorità inquirenti auspicando che venga fatta chiarezza con la massima rapidità”.

Così il sindaco di Vasto, Francesco Menna e l’assessore Gabriele Barisano hanno commentato l’indagine per induzione indebita a dare denaro, culminata con l’arresto di tre dipendenti del Comune in servizio al Cimitero.

“Nei confronti degli indagati  – fa sapere Menna – saranno adottate tutte le iniziative e le misure disciplinari previste dalla legge. Tutti sono chiamati a svolgere il proprio ruolo e a collaborare con le Forze dell’Ordine e Magistratura per la legalità e la trasparenza”.

Dichiarazioni alle quali è seguita, a stretto giro, la sospensione dal servizio dei tre lavoratori. La misura, con privazione della retribuzione, resterà in vigore per tutta la durata del provvedimento restrittivo assunto dalla magistratura nei confronti degli indagati.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%