Pescara
Stai leggendo
Violenza sessuale al Comune di Montesilvano: chiesta condanna a 4 anni e 4 mesi per ex dirigente

Violenza sessuale al Comune di Montesilvano: chiesta condanna a 4 anni e 4 mesi per ex dirigente


PESCARA, 27 gennaio – Richiesta di condanna a 4 anni e 4 mesi di reclusione, questa mattina davanti al tribunale collegiale di Pescara, per Costantino Di Donato, ex dirigente del Comune di Montesilvano, accusato di violenza sessuale nei confronti di una donna romena.

La parte civile ha chiesto invece un risarcimento di 50mila euro, mentre la difesa ha chiesto “l’assoluzione perché il fatto non sussiste o non costituisce reato”.

La violenza sarebbe avvenuta il 13 febbraio del 2016 nell’ufficio dell’ex dirigente, presso la sede comunale di Palazzo Baldoni. La vittima – secondo l’accusa – sarebbe stata attirata nell’ufficio, con la promessa di discutere della possibilità di ottenere un impiego, per poi essere molestata sessualmente dall’imputato.

“Si tratta di un episodio di molestia violento e odioso – ha detto il pm Andrea Papalia nella sua requisitoria – che avrebbe potuto essere ancora più violento se non fossero intervenute le forze dell’ordine”. Fu l’ex sindaco Francesco Maragno, uno dei testimoni dell’accusa, a preallertare i carabinieri e a presentarsi in Comune accompagnato da due agenti della Polizia municipale.

La sentenza è attesa per il prossimo 25 febbraio.

Mi sento...
Felice
100%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%