L'Aquila
Stai leggendo
Studente di 19 anni morto a Pratola Peligna, alla base problemi cardiaci. Ma servono altri esami

Studente di 19 anni morto a Pratola Peligna, alla base problemi cardiaci. Ma servono altri esami


PRATOLA PELIGNA, 30 maggio 2017 – Resta avvolta nel mistero la morte di Antonio Di Pillo, lo studente di 19 anni che sabato scorso è stato trovato senza vita, a Pratola Peligna, all’interno della sua abitazione. Si era ipotizzato un malore fulminante, ma l’autopsia eseguita oggi a Sulmona dall’anatomopatologo Luigi Miccolis non ha sciolto i dubbi sul decesso.

Dall’analisi macroscopica, infatti, si è scoperto solo che la morte è sopraggiunta per problemi cardiaci, ma non sono emersi elementi di rilevanza decisiva sulle cause del decesso.

Solo dopo gli esami tossicologici ed istologici, che Miccolis si appresta ad eseguire nei prossimi giorni, sarà possibile sapere cosa abbia provocato l’improvviso arresto del cuore.

Nel frattempo proseguono le indagini dei carabinieri della stazione di Pratola Peligna. Stando a quanto è stato ricostruito, l’orario del decesso del giovane viene collocato tra le 15.20 e le 15.30 di sabato scorso.

È stato trovato dalla madre riverso sul suo letto alle 15,30, mentre avrebbe scambiato messaggi sui social attraverso il cellulare fino alle 15.21, ora dell’ultimo contatto registrato sul suo telefonino. Subito dopo è sopraggiunta la morte.

I funerali del ragazzo si svolgeranno domani mercoledì 31 maggio, alle 16.30, nella tensostruttura allestita nell’Oratorio del santuario della Madonna della Libera, attualmente chiuso per lavori di messa in sicurezza dopo i danni provocati dal terremoto.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%