L'Aquila
Stai leggendo
L’Aquila, sit-in dei sindaci contro l’aumento dei pedaggi autostradali / FOTO

L’Aquila, sit-in dei sindaci contro l’aumento dei pedaggi autostradali / FOTO


L’AQUILA, 13 gennaio – Sit-in dei sindaci di Abruzzo e Lazio, contro l’aumento del 13% delle tariffe dei pedaggi, applicato da Strada dei Parchi su A24 e A25. Un folto gruppo di amministratori locali, capitanati dal primo cittadino del capoluogo abruzzese, Pierluigi Biondi, si è dato appuntamento alle 9.30 in punto nei pressi del casello dell’Aquila Ovest.

Circa 200 i manifestanti che si sono ritrovati nel piazzale. Tra i presenti 4o sindaci, insieme al deputato di Liberi e Uguali, Gianni Melilla, al consigliere regionale del Pd, Pierpaolo Pietrucci, e ad alcuni esponenti delle associazioni di categoria. Gli ex dipendenti della Intecs, rimasti senza lavoro, hanno dato vita ad  un piccolo presidio.

I manifestanti chiedono l”immediata sospensione del rincaro scattato dal primo gennaio e un incontro al ministero. Inoltre invitano  ad aprire “un dialogo doppio, da una parte con Strada dei Parchi Spa, concessionaria di A24 e A25, dall’altra con il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio”. 

Il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, rimarca:

“E’ una manifestazione che serve a ribadire un concetto, venuto alla luce nella riunione che abbiamo avuto con Strada dei Parchi, alla quale hanno partecipato anche i sindaci di Avezzano, Gabriele De Angelis, di Sulmona, Annamaria Casini e il presidente della Provincia di L’Aquila, Angelo Caruso. Abbiamo richiesto questo incontro per avere tutta la documentazione e tutte le informazioni da parte della concessionaria. Credo che il territorio rischi di essere utilizzato in un braccio di ferro che si sta consumando tra il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Strada dei Parchi, in merito all’allungamento della concessione a quest’ultima. E’ inaccettabile che le popolazioni delle aree interne vengano usate come scudi umani in una guerra che non li riguarda”.

I sindaci hanno voluto ribadire la grande attenzione posta su questa vicenda e la propensione al dialogo. La posizione più radicale è quella di Giovanni Morelli, primo cittadino di Cervara di Roma, che ha additato i colleghi come “passivi” in questa vicenda:

“Servono azioni energiche ed eclatanti, propongo che venga decisa in questa sede una data per dimissioni di massa. Riconsegniamo tutti la fascia tricolore per il bene dei nostri cittadini”.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%