Regione
Stai leggendo
Neve in Abruzzo, scuole chiuse. Disagi alla circolazione e in aeroporto / DIRETTA | VIDEO – FOTO

Neve in Abruzzo, scuole chiuse. Disagi alla circolazione e in aeroporto / DIRETTA | VIDEO – FOTO


PESCARA, 7 gennaio – L’intensa perturbazione che dalla giornata di ieri sta interessando l’Abruzzo e l’intero centro-sud Italia, ha portato neve e ghiaccio in tutta la regione, creando disagi soprattutto nelle aree interne.  Imbiancate anche le spiagge e le città costiere. Forti venti e temperature a picco ovunque.  La perturbazione, stando all’ultimo avviso diramato dal Centro funzionale d’Abruzzo, proseguirà fino alla mattinata di domani: persisteranno venti di burrasca dai quadranti settentrionali, con raffiche forti sull’Abruzzo e nevicate sparse fino al livello del mare.

– SPECIALE MALTEMPO: LA DIRETTA DI DOMENICA 8 GENNAIO –


INVIA SEGNALAZIONI, FOTO E VIDEO: ECCO COME CONTATTARCI


ULTIMO BOLLETTINO DELLA PROTEZIONE CIVILE: LA SITUAZIONE IN ABRUZZO

In mattinata il maltempo si è concentrato sulla costa pescarese e chietina, nell’entroterra abruzzese, sul versante est dei Monti della Maiella e nell’Alto Sangro. Gli ultimi aggiornamenti della Protezione Civile abruzzese segnalano numerosi problemi di viabilità, di cui riferiamo più in basso nel dettaglio. In fase di risoluzione, invece, i disagi legati alle interruzioni di energia elettrica nelle frazioni di Atessa, Montazzoli e Fallo, grazie anche all’utilizzo di gruppi elettrogeni portati dall’Enel. A Gessopalena è in arrivo il secondo gruppo elettrogeno in giornata. A Casoli permane l’emergenza di erogazione dell’energia elettrica: circa 100 utenze sono isolate. Terna ed Enel sono sul posto, ma l’intervento è difficoltoso a causa di bufera di neve. L’Enel comunica che in giornata verrà ripristinata l’erogazione di energia elettrica.  Isolamenti elettrici anche nelle frazioni di Roseto e Lanciano. E’ stata data la possibilità ai Comuni dell’area pescarese di rifornirsi di salgemma nei punti di stoccaggio dell’autostrada A/14. La Sala Operativa ha attivato numerose organizzazioni di volontariato per vari interventi, tra i quali si segnalano: a San Salvo per la gestione del traffico al casello autostradale e per il trasporto di personale medico e dializzati; a Pescara per il trasporto degli infermieri salvavita; a Sulmona per il trasporto degli infermieri presso l’ospedale locale; a Giulianova per il trasporto della guardia medica dell’ospedale; in diverse località abruzzesi per la consegna di medicinali alle famiglie isolate. Sono centinaia i volontari impiegati nei Comuni interessati dal maltempo.

SCUOLE CHIUSE IN MOLTI COMUNI

A Pescara l’amministrazione comunale sta predisponendo l’ordinanza di chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado per la giornata di lunedì 9 gennaio. Un atto ritenuto necessario a causa dei disagi che gli studenti che vengono da fuori città potrebbero trovarsi ad affrontare per raggiungere il capoluogo adriatico. Sospensione delle attività didattiche anche a Lanciano, fino a martedì 10 gennaio, nelle scuole di ogni ordine e grado, compresi i nidi d’infanzia: la decisione assunta dal sindaco Mario Pupillo è stata assunta a causa delle avverse condizioni atmosferiche che permangono e dei disagi e delle difficoltà che si registrano alla circolazione stradale per le recenti abbondanti nevicate, che hanno interessato non solo la città di Lanciano, ma anche il comprensorio territoriale di provenienza dei circa 4.200 studenti delle scuole cittadine. A Chieti, dopo la forte nevicata che ha colpito la città, soprattutto nella notte appena trascorsa, il sindaco Umberto Di Primio ha deciso di adottare un’ordinanza di sospensione delle attività didattiche di tutte le scuole cittadine di ogni ordine e grado, comprese quelle dell’infanzia e l’Università, fino al prossimo mercoledì 11 gennaio. Fino alla stessa data è interdetto anche l’accesso al cimitero e sono garantiti i soli servizi di tumulazione. Lunedì scuole chiuse anche a Teramo e, in provincia, a Pineto, Silvi e Roseto degli Abruzzi; a Montesilvano, Cepagatti e Città Sant’Angelo, nel Pescarese; a Pratola Peligna nell’Aquilano; a Fossacesia, Mozzagrogna, Castiglione Messer Marino, San Salvo, Palmoli e Santa Maria Imbaro, nel Chietino. Scuole chiuse fino al 10 gennaio a Scerni e Celenza sul Trigno, e fino all’11 gennaio a Orsogna.

RIAPERTO L’AEROPORTO, ODISSEA TERMINATA PER OLTRE 200 PASSEGGERI

Torna operativo l’aeroporto di Pescara. Sulla città non nevica più ed il miglioramento delle condizioni meteorologiche ha consentito di riaprire lo scalo. Sono partiti nel pomeriggio di oggi i 210 passeggeri, diretti a Francoforte e a Torino, bloccati per più di 48 ore a Pescara a causa del maltempo. 

NELL’ALTO VASTESE SALME ISOLATE PER OLTRE UN GIORNO

La salma di un uomo di 64 anni è stata bloccata per un giorno e mezzo nell’abitazione di famiglia, a Furci, senza che né un medico né gli operatori delle pompe funebri riuscissero a raggiungere il paese, completamente sommerso dalla neve. Un caso simile a pochi chilometri di distanza, a Fraine, dove un uomo anziano è deceduto ieri mattina, nella sua abitazione, per cause naturali, ma la neve e l’impraticabilità delle strade interne dell’Alto Vastese non hanno ancora consentito ad alcun medico di raggiungere la casa per certificarne la morte.

L’ODISSEA DI UN DISABILE RIMASTO PER DUE GIORNI AL GELO SENZA LUCE E ACQUA

Quarantotto ore terribili per una famiglia di Picciano rimasta senza luce e senza acqua, e quindi senza riscaldamento. Nell’abitazione vive anche un ragazzo di 29 anni, con problemi di disabilità. Nonostante le numerose chiamate l’Enel ha avuto difficoltà ad intervenire e la corrente in casa è tornata solo quando la famiglia era riuscita ad allontanarsi. Il padre ha spalato un tratto di vialetto fino all’auto, con la neve alta sessanta centimetri, ed è riuscito a far passare la carrozzina del figlio. Ora tutti sono ospiti di parenti a Montesilvano.

RINVIATA PESCARA-FIORENTINA

Rinviata la gara del campionato di serie A tra Pescara e Fiorentina, in calendario per domani alle 15 allo stadio Adriatico. Il manto erboso è infatti ricoperto da uno strato di neve e ghiaccio, così come gli spalti dell’impianto di via Pepe, ad eccezione della Tribuna Maiella coperta.

A14 RIAPRE A MEZZI PESANTI

E’ stata riaperta ai mezzi pesanti l’autostrada A/14 in Abruzzo. Cessato il ‘codice rosso’, disposto da giovedì pomeriggio a causa della neve e del maltempo. Regolarmente aperte ai mezzi pesanti anche le autostrade A24 e A25.

 

STOP E RITARDI DEGLI AUTOBUS TUA, ABRUZZO A PIEDI

Lunga paralisi dei trasporti in Abruzzo a causa della neve e del ghiaccio. La Tua, azienda unica del trasporto abruzzese, nella mattinata ha fatto sapere che “tutti i servizi sono pressoché sospesi nella parte interna della Regione”, ma criticità ci sono anche sulla costa. Fermi i servizi suburbani e ridotte le corse del servizio urbano di Pescara, dove per oggi erano stati annunciati bus gratuiti per l’emergenza ghiaccio. Una riduzione di corse, quella di Pescara città, causata secondo Tua, anche “dalle difficoltà che stanno avendo gli autisti nel raggiungere il deposito di Pescara da vari centri della Provincia”. In Marsica e nella zona dell’Aquilano, riporta il sito di Tua, la situazione è meno grave: “sospesi solo i collegamenti tra Pescasseroli e Castel di Sangro, mentre sono ridotti quelli tra Pescasseroli e Avezzano. All’Aquila, sospesi solo i collegamenti per Castel del Monte. Regolari tutti i servizi per Roma, Napoli (con deviazione di percorso) e L’Aquila, ad eccezione della tratta Lanciano-L’Aquila”. “Sul versante costiero si stanno verificando dei problemi tra Ortona e Pescara e tra Giulianova e San Benedetto del Tronto – dicono ancora alla Tua – Sono fermi tutti i servizi suburbani, compresa la Chieti-Pescara, in corso di riattivazione, seppure a rilento. Ritardi per il collegamento tra Lanciano e S.Vito. Regolare il servizio Teramo-Giulianova, senza transito per Giulianova paese. Per quanto riguarda il servizio urbano di Pescara, le corse sono ridotte anche a causa delle difficoltà che stanno avendo gli autisti nel raggiungere il deposito di Pescara da vari centri della Provincia”. Per quanto riguarda il servizio ferroviario, Rete Ferroviaria Italiana (RFI) ha comunicato l’applicazione del Piano neve allerta lieve. Sono soppressi i treni Sangritana-Tua 23912, 23918, 23917, 23926, 23923, 23944 e 23901. In serata graduale miglioramento dei servizi regolari per L’Aquila ed Avezzano, fa sapere l’azienda, con la sola eccezione della tratta Pescasseroli-Castel di Sangro dove si registrano ritardi. Nel Teramano situazione in netto miglioramento, ma rimangono sospesi i collegamenti Bisenti-Teramo e Morro d’Oro-Cologna per Roseto. Nel Pescarese ripristinati i servizi per Spoltore, mentre rimangono sospesi i collegamenti suburbani da Città Sant’Angelo e Pianella. I collegamenti Chieti-Pescara vengono garantiti mediante coincidenza a Madonna delle Piane. Nell’area peligna non vengono effettuati i servizi per Pacentro e Campo di Giove.

DISAGI ALLA CIRCOLAZIONE

Le intense nevicate, avvenute nella giornata di ieri e la notte scorsa, hanno causato numerosi disagi alla circolazione nella gran parte delle località abruzzesi. Gli ultimi aggiornamenti della Protezione Civile abruzzese segnalano codice rosso lungo la Statale 81 dal km 172 al km 186, lungo la Statale 84 dal km 50 al km 57,  lungo la Statale 16 dal km 391 al km 439. Problemi di viabilità soprattutto a Campo di Giove e Torrebruna. A Castel di Sangro molti automobilisti sono rimasti bloccati sulla SP 119 e sono stati soccorsi dal personale volontario di protezione civile: ospitati in alcune strutture ricettive, sono stati assistiti e rifocillati. A Sulmona circa cento automobilisti sono stati soccorsi dai volontari ed ospitati presso un albergo locale. A Lanciano l’amministrazione locale raccomanda di utilizzare l’auto solo in caso di stretta necessità e solo se dotata di gomme antineve e/o catene e di prestare massima attenzione negli spostamenti. A Pescara è emergenza ghiaccio e nella giornata di ieri diverse auto sono finite fuori dalla carreggiata: il Centro Operativo Comunale fa sapere che dall’inizio dell’ondata di maltempo sono stati utilizzati 1.800 sacchi di sale, pari a 450 quintali e i mezzi sono tutt’ora al lavoro per versare altro sale su varie arterie cittadine, anche per mettere in sicurezza i marciapiedi, a tutela dell’incolumità dei pedoni. In ogni caso l’amministrazione pescarese raccomanda di evitare spostamenti con i veicoli non dotati di gomme termiche e catene, e per disincentivare l’utilizzo delle auto ha predisposto un accordo con TUA, grazie al quale i mezzi pubblici urbani saranno gratuiti per l’intera giornata di oggi. A Chieti il sindaco Di Primio ha diffidato “chiunque non ne abbia necessità e chi non è assolutamente attrezzato ad uscire”. Il primo cittadino teatino spiega infatti che sono stati creati numerosi disagi “dalle auto abbandonate o mal parcheggiate” e fa sapere che ”durante tutta la notte i mezzi hanno lavorato per garantire la viabilità principale ed anche ora, cambiato il turno, gli operatori proseguono nell’attività”. Sono in tutto 11 i mezzi in servizio da giovedì.

DUE METRI DI NEVE NELL’ENTROTERRA PESCARESE

Oltre due metri di neve nell’entroterra della provincia di Pescara, sul versante pescarese della Majella. Strade bloccate e centri abitati isolati fin dalla notte tra giovedì e venerdì a causa delle intense precipitazioni. Le situazioni più critiche a Sant’Eufemia a Maiella e nella frazione di Roccacaramanico, a mille metri di altitudine: il paese è stato liberato nella notte, mentre la frazione è raggiungibile solo da poche ore. “Roccacaramanico raggiunta e liberata – afferma il presidente della Provincia di Pescara, Antonio Di Marco – Possibile il transito fino alla frazione, dove si registrano circa 2 metri di neve”. Di Marco, che è anche sindaco di Abbateggio, racconta anche che oggi, nel suo paese, 400 anime che vivono a 450 metri sul livello del mare, “è stato liberato l’ingresso del cimitero da cataste di neve, per consentire il funerale di una nostra concittadina, morta a 101 anni e 8 mesi”.

DIVERSE EMERGENZE A SILVI

Nella zona di Silvi i volontari della Protezione Civile sono intervenuti per gestire diverse emergenze, create per lo più dai disagi alla viabilità e da chi, non correttamente equipaggiato, si è messo al volante rimanendo in panne. In alcuni tratti, soprattutto nelle strade collinari, neanche le gomme termiche hanno garantito alle auto di circolare. Nella mattinata di ieri una donna incinta è stata scortata verso l’ospedale, mentre numerosi interventi di soccorso stradale hanno riguardato autisti bloccati dal ghiaccio e dalla neve. In alcuni tratti, esposti verso nord-est, il carattere di bufera ha creato accumuli temporanei di oltre mezzo metro, rendendo difficile sia la visibilità che il passaggio di mezzi fuoristrada. Ieri sera, e anche stamattina, sono stati inoltre trasportati medici con necessità urgenti tra i locali ospedali.

RINVIATE ELEZIONI PROVINCIALI A CHIETI E A PESCARA. SI VOTA A TERAMO

A Chieti e Pescara rinviate le elezioni provinciali, che erano state indette per domani 8 gennaio: a Chieti si voterà domenica 15 gennaio, mentre a Pescara mercoledì 11 gennaio. E’ quanto hanno stabilito i presidenti della Provincia di Chieti, Mario Pupillo, e di Pescara, Antonio Di Marco, con appositi decreti presidenziali. “Il rinvio si è reso inevitabile – spiega Pupillo – a causa delle copiose nevicate che hanno interessato l’intero territorio provinciale, rendendo problematica, se non impossibile, la regolare partecipazione al voto da parte dei sindaci e dei consiglieri interessati”. A Teramo si voterà regolarmente domani e lo spoglio inizierà lunedì.

SI FERMA IL CALCIO ABRUZZESE

A causa delle abbondanti nevicate che hanno reso impraticabili moltissime strade e impianti sportivi della regione, oltre alla partita di serie A tra Pescara e Fiorentina, sono stati rinviati anche gli incontri di serie D Fermana-San Nicolò e Campobasso-Pineto. La Vastese invece riposa, mentre si disputeranno regolarmente Monterosi-L’Aquila e Avezzano-San Sepolcro. Inoltre il Comitato Regionale Abruzzo FIGC/LND ha disposto la sospensione di tutte le attività a livello regionale e provinciale in programma per il 7, 8 e 9 gennaio 2017. Non saranno quindi disputate le gare dei campionati di Eccellenza, Promozione, Prima Categoria, Seconda Categoria, Terza Categoria, Calcio a 11 Femminile, Juniores, Settore Giovanile e Calcio a 5 (ad eccezione delle gare della Final Eight C5).

CHIUSA SS17, RINVIATA MANIFESTAZIONE DI FORZA ITALIA

Le abbondanti nevicate delle ultime ore hanno indotto la Prefettura locale a disporre l’eccezionale chiusura delle strade di accesso a Roccaraso. Di conseguenza la manifestazione nazionale di Forza Italia “Azzurri in vetta”, che si tiene ogni anno nella località montana abruzzese, è stata rinviata all’11 e 12 febbraio 2017. In particolare resta chiusa la statale 17 nel tratto da Sulmona a Castel di Sangro, in quanto al momento non sussistono le condizioni di completa sicurezza per gli automobilisti. Le bufere di vento in corso hanno creato uno strato ghiacciato che rende ancora molto problematica la circolazione stradale. Nel frattempo il Comune di Roccaraso e i mezzi della Provincia stanno liberando la strada provinciale che conduce agli impianti di risaliti dell’Aremogna. Anche in questo caso la difficoltà è costituita dal forte vento che in alcuni tratti della strada ha provocato cumuli di neve anche di tre metri di altezza. Per i turisti il Comune ha messo a disposizione una scorta con la collaborazione di Vigili del Fuoco, Protezione Civile e Anas, che si occuperà di consentire agli automobilisti diretti in Campania di transitare in sicurezza fino a Castel di Sangro.

BLACKOUT IN TUTTO ABRUZZO

Blackout e guasti alla rete elettrica, in Abruzzo, a causa del maltempo e della neve. In corso interventi dei tecnici di E-distribuzione, la società del gruppo Enel che gestisce le reti elettriche di media e bassa tensione, in campo per fronteggiare le conseguenze dell’eccezionale ondata di maltempo. Gli sforzi sono ora concentrati principalmente nel Chietino, tra Frentano, Alto Vastese e Val di Sangro, dove stanno operando oltre 100 persone con l’ausilio di mezzi attrezzati e con 40 gruppi elettrogeni disponibili. Il principale ostacolo al ripristino del servizio – fa sapere Enel – è legato a problemi di viabilità, con strade chiuse al transito, a causa di neve e ghiaccio, che rendono impossibile il trasporto dei gruppi elettrogeni. E-distribuzione sta operando, in contatto con sindaci e Protezione Civile, per individuare eventuali priorità d’intervento e fornire aggiornamenti sui ripristini, i cui tempi sono fortemente condizionati dal persistere delle condizioni meteo avverse.

MIGLIAIA DI UTENTI SENZ’ACQUA

Sono i contatori ghiacciati, oltre ai guasti e alle rotture il principale problema che ha provocato la carenza di acqua nelle ultime ore su tutto il territorio regionale.Migliaia gli utenti rimasti a secco.  L’Azienda comprensoriale acquedottistica (Aca) di Pescara, che serve comuni del Pescarese, del Chietino e del Teramano ha richiamato anche i tecnici in ferie e liberi dal servizio e sta intervenendo su più fronti. i tecnici sono al lavoro per due rotture importanti a Casalincontrada (Chieti) e per un guasto a Manoppello (Pescara) che hanno lasciato a secco circa mille utenze. Risolto, invece, con un gruppo elettrogeno, un guasto a San Giovanni Teatino (Chieti): un problema elettrico aveva bloccato l’impianto di sollevamento ‘Dragonara’, lasciando senz’acqua diverse centinaia di utenti della zona.

In aggiornamento…

– MULTIMEDIA –

Mezzo pesante bloccato a Pescara, in via Valle di Rose, nella zona dell’ospedale

 

 

 

FOTO DEI LETTORI

 


LA DIRETTA DEL 6 GENNAIO

PESCARA, 6 gennaio – Come previsto è arrivata anche sull’Abruzzo l’intensa perturbazione che sta interessando il centro Sud Italia. Nevicate sono in corso su tutta la regione e l’intero territorio al momento è imbiancato. Fiocchi di neve anche sulle città costiere e sulle spiagge. Forti venti e temperature a picco ovunque, vicine allo zero anche sulla costa. La perturbazione andrà avanti per tutto venerdì, giorno dell’Epifania, e fino a sabato, con accumuli di neve che, secondo le previsioni degli esperti, potrebbero essere consistenti anche sulla costa. Il Centro funzionale d’Abruzzo ha diramato un nuovo avviso di condizioni meteorologiche, nel quale si comunica che “dalla serata di oggi e per le successive 24- 36 ore, si prevede il persistere di venti di burrasca dai quadranti settentrionali, con raffiche di burrasca forte sull’Abruzzo e nevicate sparse, fino al livello del mare, con apporti al suolo da deboli a moderati, localmente abbondanti sui rilievi su tutta la regione.

ODISSEA PER 150 PASSEGGERI, BLOCCATI IN AEROPORTO DA 30 ORE

Dovevano partire ieri mattina, dall’aeroporto d’Abruzzo, per Francoforte-Hahn, ma sono ancora bloccati nello scalo, a causa della neve e del maltempo: odissea per circa 150 passeggeri, in attesa di sapere se e quando potranno decollare.

CHIUSO L’AEROPORTO, STOP VOLI ALMENO FINO A DOMANI

La Saga rende noto che causa avverse condizioni meteo sull’Aeroporto d’Abruzzo lo scalo è chiuso. Non tornerà operativo prima di domani. Restano a terra i passeggeri dei voli per Francoforte, Torino e Bergamo.
Una breve riapertura dello scalo all’ora di pranzo ha consentito l’atterraggio del volo proveniente da Torino e la partenza di quello per Londra. E’ stato invece dirottato su Ancona l’aereo in arrivo da Tirana che è ripartito per l’Albania sempre dal capoluogo marchigiano, con il trasferimento in pullman dei passeggeri da e per Pescara. La Saga si sta occupando dell’assistenza a terra dei passeggeri, molti dei quali verranno trasferiti negli alberghi della zona.

ANCORA ‘CODICE ROSSO’ SULLE AUTOSTRADE

Permane il ‘codice rosso’ sull’autostrada A14, cioè il blocco dei mezzi pesanti: il provvedimento riguarda il tratto compreso tra i caselli di Civitanova Marche e Vasto Sud, in direzione Sud, e quello tra Poggio Imperiale e Val Vibrata, in direzione Nord. Codice rosso anche sulla A25, tra Sulmona e il bivio dell’A14, in entrambe le direzioni. I caselli sono presidiati dalle forze dell’ordine che consentono l’ingresso solo ai mezzi leggeri dotati di gomme da neve o catene già montate.

TEMPERATURE POLARI: -20 SUL GRAN SASSO

Temperature polari in Abruzzo, mentre l’intero territorio regionale è sommerso dalla neve. Al rifugio ‘Franchetti’, sul versante teramano del Gran Sasso, 2.433 metri di altitudine, il termometro, secondo le rilevazioni dei sistemi ‘Aq Caput Frigoris’, alle 16.50 ha raggiunto i -19,9 gradi. A Carsoli (L’Aquila), 605 metri sul livello del mare, la temperatura è scesa fino a -17,8 gradi; sul monte Genzana, 1.980 metri, ci sono -17,4 gradi. All’Aquila le diverse stazioni di rilevamento registrano temperature che vanno dai -4 ai -6 gradi. Anche nel Pescarese temperature al di sotto dello zero: a Montesilvano, ad esempio, si registrano -0,8 gradi e a Cepagatti -2,9 gradi. Nel Chietino il record è a Macchia di Taranta, 1.700 metri, con -14,1 gradi, mentre a Chieti la temperatura è di -5,1 gradi. Nel Teramano ovunque temperature al di sotto dello zero.

CHIUSA LA STATALE 17 SULMONA-ROCCARASO-NAPOLI

Chiusa dall’Anas la strada statale 17 che da Sulmona porta a Roccaraso e a Napoli. I mezzi spargineve sono in azione. A Roccaraso la neve ha raggiunto un metro di altezza mentre a Sulmona di 60 cm. Neve in tutti i comuni della Valle Peligna.

TUA, CORSE SOSPESE E RITARDI

La Tua, società unica del trasporto abruzzese, fa sapere che sono sospesi i collegamenti da Sulmona a Roma; le corse Pescara-Napoli e viceversa sono deviate per Avezzano. Ritardi sulle corse autostradali.

NEL PESCARESE VENTO 90KM/H, PIU’ DI UN METRO DI NEVE NELL’ENTROTERRA

Disagi e difficoltà nel Pescarese. Molto critica, fa sapere il presidente della Provincia, Antonio Di Marco, la situazione nei centri della Majella, con la neve che supera il metro di altezza: Sant’Eufemia a Majella e Roccacaramanico, ad esempio, sono bloccate. Molto difficile percorrere la strada da Lettomanoppello a Passolanciano, anche a causa delle auto che ingombrano la strada per essersi messe in cammino senza le dovute cautele. Indispensabili gomme termiche e catene. Quando le auto ostruiscino il passaggio – fanno sapere dalla Provincia – impediscono anche agli spazzaneve o eventuali mezzi di soccorso di percorrere la strada, con gravi conseguenze per tutti. Nell’entroterra, dopo le abbondanti nevicate della notte, a creare problemi è soprattutto il ghiaccio che si forma a causa delle basse temperature, ovunque vicine o al di sotto dello zero. A Penne tante le chiamate arrivate al numero del Coc attivato per l’emergenza neve. Diverse le richieste di soccorso registrate, soprattutto per ottenere la fornitura di farmaci e pulizia di strade. A Città Sant’Angelo, fa sapere il sindaco, Gabriele Florindi, “le precipitazioni adesso sono molto abbondanti e “i mezzi sono tutti allertati e pronti e operativi; siamo in presenza di una vera e propria bufera con strade ghiacciate”. Operazioni in corso su tutto il territorio, con particolare riguardo per la zona collinare di Montesilvano, per garantire la sicurezza dei montesilvanesi in occasione della perturbazione nevosa che sta interessando la città e tutta la regione dalla serata di ieri. “In queste ore  – spiega il sindaco Francesco Maragno –  sono in azione diversi mezzi con cui sono in atto le opere di pulizia delle strade dove si è accumulata più neve, e di spargimento di sale per liberarle dal ghiaccio”. Sono al lavoro gli operai del Comune, i vigili urbani, nonché i volontari della Protezione Civile e quelli della Croce Rossa che sono a disposizione per l’assistenza di carattere sanitario. Dalle 12 di ieri, sino alla mezzanotte di domani, sabato 7 gennaio è stato inoltre disposto il divieto di ingresso in tutta la pineta per salvaguardare l’incolumità delle persone, a causa della stabilità degli alberi che la neve potrebbe compromettere, oltre che il divieto di parcheggio nelle strade adiacenti e attraversanti la riserva. Sempre fino alle 24 del 7 gennaio, chiusi parchi, giardini pubblici e il cimitero comunale.

STRADE GHIACCIATE A PESCARA, DIFFICOLTA’ PER GLI AUTOMOBILISTI

Nel capoluogo adriatico, dove le raffiche di vento gelido hanno raggiunto i 90 chilometri orari, nel tardo pomeriggio si sono formati strati di ghiaccio in diverse strade, soprattutto ai colli, in via del Circuito, via Fonte Romana e piazza Pierangeli: difficoltà per gli automobilisti, che pur montando gomme termiche non sono riusciti a procedere alla guida dei mezzi. Strati di ghiaccio e difficoltà anche nei pressi dell’ospedale civile dove i mezzi spargisale sono arrivati solo intorno alle 19,15. Problemi anche su ponte D’Annunzio

A LANCIANO -5 GRADI, MEZZI IN AZIONE

Riunione in Comune a Lanciano

Riunione in Comune a Lanciano

Riunione operativa in Comune a Lanciano. Le strade in larga parte percorribili, ma bisogna prestare la massima attenzione e utilizzare l’auto solo in caso di estrema necessità e solo se dotata di gomme antineve e/o catene da neve.
I mezzi spazzaneve e spargisale sono all’opera da stamattina alle 4, proseguiranno nel pomeriggio. Attualmente ci sono -5° e sono previste altre nevicate tra oggi e domani. È stata emessa un’ordinanza di sospensione del mercato settimanale di domani sabato 7 gennaio, per ovvie ragioni.

LA REGIONE PER I COMUNI DEL CRATERE

La sala operativa della Protezione civile regionale ha contattato sin dalle prime ore del mattino le amministrazioni dei 14 comuni compresi nel cratere sismico e gli altri tre comuni capoluogo, che non hanno segnalato emergenze. Cento quintali di sale per usi stradali sono stati messi a disposizione di ciascun comune.

PASSEGGERI DI AUTOBUS SOCCORSI SULLE CINQUE MIGLIA

Interventi di soccorso, coordinati dalla sala operativa regionale e svolti soprattutto dalla protezione civile si sono resi necessari soprattutto nella zona delle Cinque Miglia, dove passeggeri di autobus e automobilisti rimasti bloccati sono stati accompagnati in alberghi della zona. – La strada statale 17 è chiusa dal chilometro 118 al chilometro 149.

BLACK OUT ELETTRICI

5.500 utenze elettriche sono rimaste isolate: la zona più colpita è quella dell’Alto Chietino, Atessa, Orsogna, Gessopalena e Casalanguida tra i centri maggiormente colpiti dal disagio. Enel comunica che le utenze dovrebbero essere riattivate in giornata. Disagi anche in alcune frazioni di Teramo, il sindaco Brucchi ha comunicato che, se non verrà trovato il guasto si dovrà provvedere con gruppi elettrogeni.

ENEL AL LAVORO, PRESIDIO RAFFORZATO

I tecnici dell’Enel sono al lavoro, a macchia di Leopardo, in tutta la regione, per i danni causati dalla neve e dal forte vento. Interventi in particolare nell’area frentana, nel Vastese e nella Valle Peligna.

FUORISTRADA PER PORTARE I PASTI IN OSPEDALE

Per effettuare il servizio pasti nell’ospedale di Castel di Sangro sono stati utilizzati fuoristrada della protezione civile. I volontari hanno caricato il cibo preparato nella sede della ditta fornitrice che si trova a Sulmona e hanno trasportato il tutto fino all’ospedale sangrino.

DISAGI IN TUTTA LA PROVINCIA DI TERAMO

Nelle ultime 24 ore diversi problemi, in tutta la provincia, hanno richiesto l’intervento del Comando dei vigili del fuoco di Teramo, a causa delle avverse condizioni metereologiche, per le abbondanti precipitazioni nevose in tutta la provincia. Nel corso della mattinata una squadra del Comando di Teramo è stata impegnata, con l’autogru in dotazione, per il recupero di un camion adibito al trasporto di latte, finito fuori strada in contrada Mezzanotte, nel comune di Teramo.

Inoltre a causa dei danni provocati dal forte vento, una squadra del distaccamento di Roseto è intervenuta a Giulianova in via Sabotino, per rimuovere la copertura di circa 40 metri quadrati di un terrazzo. Successivamente la stessa squadra è intervenuta per la caduta di un grosso albero su una rimessa adiacente ad abitazione sita in Contrada Canale nel comune di Silvi.

Sono in corso altri interventi di soccorso ordinario, in varie zone della provincia, a causa delle condizioni di criticità determinate dal maltempo ancora in atto. Inoltre nel pomeriggio di ieri i vigili del fuoco teramani sono stati impegnati per la rimozione di due autobus terminati fuoristrada sulla SP491, che collega Montorio al Vomano con Isola del Gran Sasso. Il primo autobus della TUA era finito fuori strada il località Trignano di Isola del Gran Sasso ed è stato rimesso sulla sede stradale grazie all’utilizzo della autogru dei vigili del fuoco, che è successivamente intervenuta a Montorio al Vomano, in località Costa della Luna, per recuperare un altro autobus che trasportava circa 30 ragazzi provenienti da un raduno al Santuario di San Gabriele di Isola del Gran Sasso.

Ad Atri, sulla provinciale 553, operat­ori della Provincia e Polizia sono dovuti intervenire per far ripart­ire un camion al quale si sono rotte le ­catene e che è rimasto fermo sulla carre­ggiata bloccando il transito. Nel triang­olo Silvi-Atri-Pineto si sono registrate­ le situazioni più difficili a causa di ­una bufera di neve che si è placata solo­ nel primo pomeriggio. Spazzaneve e sale­ anche in Vibrata dove le strade più cri­tiche sono la provinciale 8 e la provinc­iale 3.

AD ALTINO 20 ORE SENZA ELETTRICITA’

Oltre 20 ore senza corrente elettrica per le famiglie di contrada Sant’Angelo, nel comune di Altino. La forte nevicata di ieri ha comportato l’interruzione dell’energia elettrica a causa del malfunzionamento e della vetustà dei cavi Enel che già in passato hanno dato numerosi problemi. Da ieri in serata si sono alternati vari sbalzi di corrente fino al buio totale nelle località Briccioli e Sant’Angelo. Nella prima contrada la situazione è stata risolta ieri notte, mentre per Sant’Angelo le famiglie sono ancora senza elettricità. “Una situazione gravissima – dichiara il sindaco di Altino, Vincenzo Muratelli da ieri sera sul posto con le varie squadre tecniche e dell’Enel – che si verifica sistematicamente nel nostro comune con grave disagio per anziani e bambini. Sono rimasto costantemente in contatto con i dirigenti Enel che hanno assicurato che in giornata dovrebbe tornare la corrente grazie all’installazione di un gruppo elettrogeno. Del disagio e della situazione ho provveduto tuttavia ad avvisare il Prefetto di Chieti. La neve che è caduta in queste ore non giustifica la gravità della situazione alla quale stiamo assistendo”.

DISAGI A CHIETI CITTA’

Completamente innevata Chieti alta, con mezzi spazzaneve in azione e accumuli di diversi centimetri anche a Chieti Scalo. L’attività natatoria presso la Piscina Comunale è stata sospesa e riprenderà lunedì 9 gennaio 2017. Si è verificato inoltre un problema di erogazione idrica in zona San Salvatore a causa di una rottura sulla quale stanno intervenendo gli operai comunali. Il sindaco di Chieti Umberto Di Primio questa mattina ha deciso di attivare il Centro Operativo Comunale dopo una ricognizione effettuata per verificare il lavoro svolto nel corso della notte dai mezzi delle ditte incaricate di gestire il Piano Neve, nonché dal mezzo comunale che sta coprendo le emergenze e le zone che non rientrano nei quattro percorsi previsti dal Piano Neve. Il numero di telefono per le emergenze è 0871/357780. Sulla città, intanto, continua a nevicare. Sempre in mattinata sono state affrontate due emergenze riguardanti pazienti dializzati che hanno potuto raggiungere il Centro Dialisi. “Si è appena conclusa la riunione del Coc – ha detto Di Primio – durante la quale è stato anche organizzato un servizio di assistenza medica per i cittadini che ne hanno necessità. Con le attuali condizioni, si sta provvedendo a garantire la fruibilità delle principali vie di transito mentre, con il mezzo comunale, supportato da quelli a disposizione delle ditte incaricate di gestire la salatura e lo spazzamento, interverremo anche nelle altre aree. Ovviamente, con ben 250 chilometri di strade comunali da gestire, sarà difficile poter intervenire contemporaneamente. Per questo chiedo a tutti di uscire solo se necessario e di farlo esclusivamente con mezzi idoneamente attrezzati. Le segnalazioni che pervengono sia a me che al Coc – ha aggiunto Di Primio – vengono raggruppate per zona così da organizzare gli interventi. I 10 mezzi a disposizione del Piano Neve proseguiranno incessantemente la pulizia delle strade nonostante il perdurare delle precipitazioni nevose che stanno interessando la città e che, purtroppo, vanificano gli sforzi degli operatori. Sentito il responsabile della società La Panoramica, inoltre, comunico che non vi sono problemi di transito per i mezzi pubblici. L’unico inconveniente è il ritardo sui percorsi”.

DANNI A VASTO A CAUSA DEL FORTE VENTO

Il forte vento che da ieri interessa il territorio di Vasto ha causato molti danni. In via Ravenna la strada a senso unico che da via Naumachia, dietro il parcheggio multipiano, sbocca su Corso Garibaldi è caduto un albero che ha travolto un cavo elettrico. Sul posto sono intervenuti gli uomini del gruppo comunale della Protezione Civile che hanno rimosso l’albero, chiuso la strada e messo in sicurezza l’area. Sono arrivati anche i tecnici dell’Enel per ripristinare l’energia elettrica a tre palazzine che a causa dell’incidente ne sono rimaste prive. Critica la situazione anche a Punta Penna dove continuano a cadere dei calcinacci dalle palazzine dell’Ater. Sul posto il sindaco di Vasto e i responsabili dell’Ater. Molti gli interventi per la caduta di rami e alberi a Vasto Marina, via Cono a mare, viale D’Annunzio. In via Mario Molino è caduto un altro albero sulla corsia che dalla statale permette di raggiungere la città. L’albero ha completamente invaso la corsia. Sul posto Polizia Municipale e Protezione Civile.

 


LA DIRETTA DEL 5 GENNAIO

VENERDI’ NEVE PER L’INTERA GIORNATA

Il sottosegretario alla presidenza della Giunta regionale con delega alla Protezione civile, Mario Mazzocca, fa sapere che si prevedono precipitazioni persistenti prevalentemente nevose fino a livello del mare, per tutta la giornata di venerdì. Graduale attenuazione dei fenomeni in serata. Temperature massime al di sotto dello zero su tutta la regione, col rischio di estese e persistenti gelate, specie sulle zone appenniniche e collinari. Ancora venti forti o di burrasca settentrionali, con mareggiate, anche importanti, lungo il litorale.

AUTOSTRADE, STOP AI MEZZI PESANTI

Stop ai mezzi pesanti sul tratto abruzzese dell’autostrada A14 (tra Vasto Sud e Giulianova in direzione Nord e tra Giulianova e Val di Sangro in direzione Sud). In alcune zone sono in corso intense nevicate e il traffico scorre lentamente. Caselli presidiati dalle forze dell’ordine: possono entrare solo i mezzi leggeri con gomme da neve o catene già montate. Ripercussioni sul traffico della Ss 16 a causa del blocco dei mezzi pesanti in A14.

SULLA A25 SI RIBALTA CAMION

Si ribalta camion sulla A25

Si ribalta camion sulla A25

Sulla A25 un camion che trasportava surgelati si è ribaltato, probabilmente a causa del ghiaccio, nel tratto compreso tra Magliano e Avezzano, in direzione Pescara. Il conducente è rimasto ferito in modo non grave. L’incidente ha causato un momentaneo blocco del traffico per il ripristino della viabilità.

 

 

ALL’AEROPORTO VOLI CANCELLATI

Cancellati, anche a causa del maltempo e per questioni operative, tre voli da e per l’Aeroporto d’Abruzzo. Si tratta del collegamento Ryanair per Francoforte, che dovrebbe partire domani alle 13.45, del Pescara-Bruxelles Charleroi e del Bruxelles Charleroi-Pescara, sempre della compagnia irlandese. La Saga, società di gestione dello scalo, si sta occupando dell’assistenza a terra dei passeggeri, che verranno sistemati negli alberghi della zona.

PROBLEMI PER GLI AUTOBUS DELLA TUA

Tua Spa fa sapere che sono attualmente sospesi i servizi per Torricella, Pizzoferrato e Montenerodomo, così come le linee tra Isola-Teramo e Bisenti-Teramo.

A PESCARA ATTIVATO IL COC, CHIUSI PARCHI E CIMITERI

Attivato a Pescara il Centro Operativo Comunale presso la sala operativa della Polizia Municipale per le funzioni di logistica e viabilità. L’amministrazione è in contatto con tutta la squadra operativa predisposta con il Piano Neve e ha messo a disposizione il numero verde 800 822 690 e il fisso 085/3737202 per le emergenze e segnalazioni che si riterranno necessarie con l’evolversi della situazione meteo. Attivo anche un numero di cellulare: il 335/1530487. Chiusi fino al 7 gennaio parchi e riserve, così come i cimiteri cittadini.

PREFETTURA PESCARA E PROTEZIONE CIVILRE, EVITARE SPOSTAMENTI

“Si raccomanda, al fine di prevenire ogni possibile disagio, di evitare di mettersi in viaggio nelle giornate tra il 5 e 6 gennaio 2017, se non in caso di assoluta necessità, e di mantenersi informati sulle previsioni meteo per i prossimi giorni”. Lo afferma in una nota la Prefettura di Pescara. Successivamente anche la Protezione Civile nazionale ha consigliato di evitare spostamenti non strettamente necessari su tutto il territorio regionale e in ogni caso solo su mezzi dotati di gomme da neve e/o catene.

TANTA NEVE IN FRENTANIA, COC ATTIVO ANCHE A LANCIANO

Attivo anche a Lanciano il Centro Operativo Comunale, con sede nell’ufficio di Protezione Civile di Largo Tappia. Nell’area frentana nevica intensamente già dall’ora di pranzo, sia nelle zone costiere sia in quelle collinari. A Pizzoferrato il manto nevoso ha superato i 50 centimetri. Identica situazione a Palena.

NEVE A CHIETI, ANNULLATI GLI EVENTI

Nevica dal pomeriggio a Chieti, dove al momento non si registrano disagi.  Come annunciato nei giorni scorsi, è stato attivato il Piano neve del Comune. Le condizioni meteo avverse hanno portato ad annullare alcuni eventi: fra questi il mercato del venerdì in corso Marrucino, la XXIII edizione del Presepe vivente, in programma domani e che si terrà il prossimo 8 gennaio. Rinviato al 21 gennaio il Gran Concerto Sinfonico con l’Orchestra Euroadriatica diretta dal maestro Giuseppe Fabrizio, che doveva tenersi questa sera al teatro Marrucino.

A FOSSACESIA DISPONIBILI 90 QUINTALI DI SALE

L’amministrazione comunale di Fossacesia ha predisposto le azioni per fronteggiare l’emergenza neve che sta interessando il territorio comunale, con precipitazioni che, secondo le previsioni, dovrebbero intensificarsi nelle prossime ore. Attivato inoltre il servizio telefonico Sos Neve. Il Piano Neve prevede la suddivisione del territorio comunale in 4 zone: centro cittadino, frazione marina, Villa Scorciosa e aree rurali; ciascuna zona è stata affidata ad una ditta privata. Per le attività di sgombero della neve dalle strade di competenza comunale e per lo spargimento del sale saranno impiegati sei mezzi (pale gommate, bobcat con lama, camion). Sono a disposizione 90 quintali di sale da spargere sulle strade ed i marciapiedi per limitare la formazione di ghiaccio soprattutto nelle ore notturne.

IN PROVINCIA DI TERAMO ATTIVO IL PIANO NEVE

Da stanotte è pienamente operativo il Piano neve della Provincia di Teramo. Lo rende noto lo stesso ente aggiungendo che “ci sono 44 mezzi privati contrattualizzati con il ‘servizio a chiamata’ e monitorati con il GPS che consente tracciabilità dell’operato e razionalizzazione negli interventi”. “Particolare attenzione, viste le previsioni meteo, è dedicata alla costa, dove i cittadini sono meno abituati ad affrontare bufere di neve. Naturalmente presidiata tutta la montagna e in due zone, le provinciali che conducono agli ospedali di Atri e di Sant’Omero (l’ospedale del comune capoluogo è coperto con il Piano neve del Comune di Teramo) sono previste postazioni fisse per far fronte ad eventuali situazioni critiche. I mezzi dell’ente presidiano la 259 della Vibrata”. “L’unità operativa della Provincia e quella del Comune capoluogo – conclude la Provincia di Teramo in una nota – stanno collaborando con l’obiettivo di integrare i rispettivi interventi. Si ricordano gli strumenti a disposizione dei cittadini per eventuali segnalazioni sulla transitabilità: http://partecipate.provincia.teramo.it/segnalazioni/ i social FB e Twitter www.facebook.com/provinciaditeramo @ProvinciaTeramo Il numero verde 800017069 I numeri per l’emergenza 112 e 115”.

A TERAMO ATTIVATO IL COC, SQUADRE DI INTERVENTO AL LAVORO

Oggi alle 15:00 presso il comando della Polizia Municipale, si è riunito il COC (Centro Operativo Comunale) già attivo da questa mattina per l’emergenza neve, alla presenza del sindaco Maurizio Brucchi e dell’assessore Franco Fracassa. Erano presenti anche i dipendenti comunali delle diverse squadre che operano sul territorio e i rappresentanti della TeAm, della Protezione Civile Cives della Protezione Civile Gran Sasso. Analizzata la situazione, sono stati stabiliti gli interventi da attuare immediatamente in queste prime ore e sono state valutate le modalità per provvedere alle operazioni di spargimento del sale e degli spazzaneve. Oltre agli interventi relativi alla viabilità principale urbana e periferica, si sta già provvedendo ad intervenire lungo le strade che collegano le frazioni e viene assicurata operatività anche lungo i ponti, nel centro storico e nella viabilità pedonale principale

Mi sento...
Felice
75%
Orgoglioso
25%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
25%