Chieti
Stai leggendo
Chieti, processo per terrorismo di estrema destra: dichiarata nullità del giudizio immediato

Chieti, processo per terrorismo di estrema destra: dichiarata nullità del giudizio immediato


CHIETI, 22 febbraio – Giudizio immediato dichiarato nullo e ordinata la restituzione degli atti al pm, oggi, dalla Corte d’Assise di Chieti, nell’ambito del processo a carico di 18 persone accusate di associazione con finalità di terrorismo, anche internazionale e di eversione dell’ordine democratico e di incitamento all’odio razziale.

Alcuni imputati furono arrestati nel dicembre del 2014. I 18 avrebbero promosso, costituito e organizzato l’associazione ‘Avanguardia Ordinovista’, tramite la creazione di un centro studi Progetto Olimpo che richiama gli ideali del disciolto movimento politico Ordine Nuovo con il proposito di compiere atti di violenza tramite attentati a Equitalia, magistrati e forze dell’ordine al solo fine di destabilizzare l’ordine pubblico e la tranquillità dello Stato e poi introdursi tramite un apparente attività lecita di partecipazione alle elezioni con il partito da loro creato, all’interno dell’ordine democratico quale unica soluzione alla destabilizzazione sociale.

La Corte, presieduta Guido Campli, giudice a latere Isabella Maria Allieri, si è pronunciata sull’eccezione sollevata dai difensori di alcuni imputati nei cui confronti si è proceduto con il giudizio immediato benchè durante le indagini non siano stati raggiunti da misure cautelari: e con riferimento al reato più grave ha ritenuto indispensabile procedere unitariamente con il rito ordinario.

A capo del gruppo di estrema destra, che fu sgominato cinque anni fa con l’operazione ‘Aquila nera’, c’era Stefano Manni, ex carabiniere, ascolano residente a Montesilvano, che nel processo con rito abbreviato era stato già condannato a 6 anni di reclusione.

Tra gli obiettivi del gruppo, secondo quanto emerse dalla indagini, ci sarebbero stati due ex presidenti della Regione, Ottaviano Del Turco e Gianni Chiodi, la senatrice del Partito Democratico Stefania Pezzopane, il vice sindaco dell’Aquila ed ex procuratore Nicola Trifuoggi e l’allora leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini.

Il piano eversivo ”studiato a tavolino” venne stroncato da una raffica di arresti da parte dei carabinieri del Ros. A giudizio davanti alla Corte d’Assise sono finiti Franco La Valle, 54 anni di Chieti, Luigi Nanni 51 anni, residente a Canosa Sannita e Luigi Di Menno Di Bucchianico di 51 di Lanciano, Marina Pellati, 52 anni di Varese ma residente a Montesilvano, Emanuele Pandolfina Del Vasto, 67 anni, originario di Palermo ma residente a Pescara, Luca Infantino 37 anni di Legnano, Maria Grazia Callegari, 60 anni di Venezia, Franco Grespi, 55 anni e Omelia Carolina Garoli, entrambi di Milano, Marco Pavan 33 anni di Mirano, Mario Mercuri, 79 anni di Petritoli, Giuseppa Caltagirone di 57 anni di Casteldaccia, Valerio Ronchi di 51 anni di Mariano Comense, Daniela Bugatti 57 anni di Milano, Marco Cirronis, 39anni di Cagliari, Jacopo Cozzi di 24 anni di Cuggiono nel milanese, Tiziana Mori, 50 anni di Pavia e Giovanni Trigona, 52 anni di Palermo.

Mi sento...
Felice
100%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%