Il Samsung Galaxy S30 è in arrivo. Intanto tra Html5 e 5G il futuro dei dati mobili è ancora tutto da scoprire

PESCARA, 11 agosto – Il Samsung Galaxy S10 è stato messo in commercio il 20 aprile 2020. Ora, nonostante il lancio di Galaxy S30 sia previsto tra qualche mese, ovvero per il 2021, l’interesse è già elevato e i primi rumor sul top di gamma non tardano a diffondersi.

Ma quali sono le caratteristiche di questi top di casa Galaxy? Già l’S10 è in grado di accedere ai dati mobili 5G, 20 volte più veloci del 4G offrendo una velocità di download minima di 20 GB rispetto alla velocità di 1 GB del 4G.

La sua prima uscita assoluta è stata in Corea del Sud, poi gli Stati Uniti, finché è arrivato anche da noi. Il fatto che il Samsung Galaxy S10 sia uno dei primi smartphone compatibili con il 5G la dice lunga su quella che sarà la corsa al 5G considerando che ad oggi negli Stati Uniti, ad esempio, non esiste ancora una copertura del 5G, una criticità che insieme all’occidente tocca comunque anche la Corea del Sud.

Come verrà quindi accolto l’S30 in questo scenario ancora indefinito legato al 5G?

Un rapporto a cura di CCS Insight aveva suggerito che un miliardo di persone utilizzerà i dati mobili 5G entro il 2023 e che la metà di questi utenti sarà in Cina. Mancano ancora 3 anni tuttavia la stima è alta, non si spiega quindi come mai le grosse case abbiano puntato diritto al 5g prima ancora che questi dispositivi, appunto di “quinta generazione” abbiano come si suol dire “il terreno pronto”.

Se da un lato il 5G garantisce delle performance di navigazione mobile assolutamente alte, eludendo anche la necessità di scaricare applicazioni, la sua implementazione e diffusione continua a però a rappresentare un neo sul mercato dei dati mobili.

Tuttavia, il 5G non è l’unica novità degli ultimi tempi: a garantire un’eccezionale velocità nel caricamento e nell’elaborazione dei dati da browser esiste l’HTML5. Rilasciato ufficialmente nell’ottobre del 2014 come World Wide Web Consortium (W3C) Recommendation, l’HTML5 consiste in un linguaggio che combina HTML, CSS e JavaScript tutto in uno, consentendo una visualizzazione di struttura, di design e una gestione di app interattive agile e veloce mai come prima.

I siti web e gli sviluppatori di giochi stanno già utilizzando HTML5 per creare contenuti, sapendo che non tutti vogliono scaricare un’app di gioco e che molti anzi preferiscono semplicemente navigare da browser sul portale. L’industria dei casinò online la citiamo perché è stata una delle più rapide nell’adottare l’HTML5, consentendo così agli utenti di giocare speditamente e con ottime performance sia alle slot sia ai giochi offerti nelle sezioni dedicate al tavolo verde.

Ma non sono state solo le aziende di gioco ad adottare questa tecnologia, ci sono anche i famosi Racing Monster Trucks e Fruita Crush in stile Candy Crush Saga che hanno scelto come tipo di programmazione l’HTML5. Tutti games di punta, e i titoli probabilmente continueranno a crescere man mano che sempre più sviluppatori implementeranno il linguaggio di codifica.

Tornando alle app mobili e alla possibilità con il 5G di non doverle scaricare, abbiamo qualche dubbio. Molti utenti si sono abituati e in alcuni casi anche affezionati all’esperienza legata alle app, che in questi anni vengono realizzate per ogni tipo di esigenza e sono quindi diventate molto popolari.

Attendiamo perciò di capire come il linguaggio HTML5 e il 5G andranno sviluppandosi prima di comprendere che direzione prenderanno le case produttrici e quindi i prodotti che troveremo sul mercato.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%