Pescara
Stai leggendo
Pescara, riaprono le scuole dopo il maltempo. Ancora chiusi parchi e golene

Pescara, riaprono le scuole dopo il maltempo. Ancora chiusi parchi e golene


PESCARA, 23 ottobre – La città di Pescara, dopo i danni e i disagi causati dalla pioggia nella giornata di lunedì, torna lentamente verso la normalità. Scuole aperte, domani in città, ad eccezione della succursale di via Italica dell’Ipsseoa De Cecco. Golene ancora chiuse, invece, per via del livello del fiume. Chiusi anche i parchi per via di ulteriori controlli su alberi e piante, dopo la caduta di alcuni pini d’Aleppo.

Il vice sindaco Antonio Blasioli fa sapere:

“Per quanto riguarda le scuole primarie, la giornata di chiusura oggi è servita ai tecnici del Comune per effettuare dei sopralluoghi nei plessi comunali, dove, a parte qualche leggera infiltrazione agevolmente superabile, riscontrata in due o tre istituti, non ci sono grandi problemi.  Riaprono anche le scuole superiori, fatta eccezione per i plesso di via Italica dell’Ipsseoa De Cecco per ulteriori verifiche. Nel pomeriggio odierno mi sono recato sul posto con il responsabile del servizio scuola della Provincia, l’architetto Mancini e il presidente facente funzioni Silvina Sarra a verificare alcune infiltrazioni presenti nella scuola. Questa sola succursale pertanto resterà chiusa per due giorni, vale a dire domani e giovedì 25, ma la presidente è già all’opera con i tecnici e con la dirigente scolastica per il ripristino della normalità”.

Per quanto riguarda golene, parchi e cimiteri invece:

“L’ultimo dispaccio del Centro Funzionale Abruzzo della Protezione civile è di stanotte e richiedeva il monitoraggio delle golene per via della portata del fiume. Un’attenzione che si protrarrà fino ad allarme rientrato e dunque resteranno chiuse anche stanotte. I volontari della Protezione Civile di Pescara continueranno a visionare il livello del fiume, non appena l’allerta del CFA cesserà, provvederemo nell’immediatezza a riaprire al transito le golene nord e sud del fiume Pescara. Domattina riapriranno i cimiteri, mentre restano ancora chiusi i parchi cittadini per la sola giornata di domani, questo per fare un’ulteriore verifica sulla stabilità delle piante, visto che ieri a causa del maltempo abbiamo avuto diverse cadute. Teniamo sotto stretto controllo alcuni alberi caduti nell’ex quartiere 3 e a INA casa di via Passolanciano e tre esemplari di pini d’Aleppo, di cui due di grandi dimensioni, all’interno nel quartiere popolare di via D’Avalos, incrocio con via Spaventa, dove stamane siamo andati a fare un accurato sopralluogo con i nostri agronomi e dobbiamo fare controlli sulle altre piante, perché i tre pini erano radicati in aiuole aperte, spazi verdi senza interferenze di sottoservizi, con una chioma libera, senza precedenti potature, per garantirne la qualità ecologica adatta agli ambienti aperti, liberi da costrizioni. Tuttavia la plasticità del suolo ha avuto la meglio rispetto alla vigoria della pianta e anche all’integrità dell’apparato radicale, per questo abbiamo deciso questo supplemento di indagine, in nome della prevenzione e al controllo. I pini saranno rimossi a partire da domani”.

Per quanto riguarda le strade infine:

“Domani partiranno i lavori di ripristino e messa in sicurezza delle strade dove, a causa della pioggia, si sono formate buche e altri dislivelli. Interverremo con il cosiddetto asfalto a caldo. I nostri operai oggi sono intervenuti con asfalto a freddo, e quindi provvisorio, sulle principali arterie cittadine per rendere sicura la mobilità, ma domani pomeriggio, con una somma urgenza messa in atto dal Servizio Manutenzione, si procederà con asfalto a caldo su tutte le strade su cui è stata effettuata oggi una ricognizione”.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%