Pescara
Stai leggendo
Novara-Pescara, Pillon: “Negli spogliatoi mi sono arrabbiato”. Aria di conferma per il mister

Novara-Pescara, Pillon: “Negli spogliatoi mi sono arrabbiato”. Aria di conferma per il mister


NOVARA, 5 maggio – Negli spogliatoi del Piola di Novara c’è aria di conferma per Bepi Pillon, protagonista di una salvezza niente affatto scontata, visto che ad un certo punto della stagione il Pescara era finito sull’orlo del baratro. Manca ancora un punto per la matematica, ma ormai è una pura formalità.

Questa l’analisi di Pillon:

“Ringrazio i giocatori, sono loro che scendono in campo. Io faccio la mia parte. Oggi abbiamo recuperato una partita molto importante. Abbiamo fatto un primo tempo non buono, negli spogliatoi mi sono anche arrabbiato un po’ con i ragazzi, ma nel secondo tempo ho visto un’altra squadra e forse avremmo meritato anche qualcosa di più. Il presidente era contento, perchè abbiamo recuperato una partita importante”.

Tira aria di conferma per il tecnico veneto. Anche Repetto ha lasciato intendere che si ripartirà da Pillon. L’allenatore del Delfino commenta:

“E’ merito di Repetto se sono qui e lo ringrazio per gli attestati di stima. Non so se ci sarà la conferma. Questo riguarda la società, io ho già detto che a Pescara non sto bene ma di più. Io penso alla squadra e a fare bene per il Pescara”.

Il punto della salvezza dovrà arrivare la prossima settimana contro l’Ascoli:

“Contro l’Ascoli sarà una partita importante per tutte e due le squadre, io ho grande rispetto per l’Ascoli, dove ho allenato tre anni, però io oggi alleno il Pescara e noi abbiamo bisogno di salvarci. In campo saremo rivali, poi amici come prima”.

Sull’altra sponda mister Di Carlo osserva:

“Questo è il calcio, nel primo tempo dovevamo chiudere sul 2-0 e invece abbiamo lasciato la gara aperta. Conoscevamo le qualità del Pescara, noi siamo stati ingenui nella ripresa a non aggredire gli avversari e abbiamo preso gol al primo tiro. Noi per fare gol abbiamo dovuto creare invece molte occasioni. Poi il Pescara è una signora squadra, quindi ci prendiamo il pareggio, ma sapendo che l’atteggiamento è giusto e che dovremo essere bravi a conquistare la salvezza”.

Eroe di giornata Luca Valzania:

“Non abbiamo fatto un buon primo tempo, siamo andati in svantaggio, ma negli spogliatoi il mister ci ha caricati e siamo riusciti a prendere un punto che ci dà un buon margine. Siamo tornati in campo con la voglia di pareggiare, avremmo anche potuto sfruttare meglio qualche occasione per vincere, comunque è un punto che vale doppio. Sono contento per il gol e anche per la stagione disputata. Con il mister abbiamo ritrovato serenità e voglia di giocare”.

Valzania traccia un bilancio della stagione e lancia uno sguardo al futuro:

“Nel girone d’andata ho avuto qualche difficoltà all’inizio, poi ho trovato spazio e qualche gol. Ora il mio obiettivo è centrare la salvezza, poi vorrei giocarmi il posto in serie A con l’Atalanta. Se poi l’Atalanta deciderà di farmi fare un’altra stagione in serie B, Pescara sarà in cima alla lista dei miei desideri e ci tornerei volentieri”.

Queste invece le parole di Leonardo Mancuso:

“Ho sfiorato il gol, peccato perchè sarebbe stato il gol della matematica. Però il risultato è giusto, perchè loro hanno fatto meglio nel primo tempo, poi nella ripresa siamo tornati in campo con la voglia di raddrizzare il risultato. Il mister ha saputo toccare le corde giuste. La dimostrazione è che anche oggi, come contro il Bari, siamo riusciti a raddrizzare il risultato. Ripartirò dal Pescara, visto che ho un altro anno di prestito, che ho voluto fortemente e quindi sono contento così. Contro l’Ascoli forse è una partita che cade a pennello, perchè i tifosi ci tengono molto e a noi serve un punto per la salvezza matematica”.

 

 

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%