L'Aquila
Stai leggendo
Terremoto a L’Aquila, Ingv: “Attenzione resta alta, livelli di sismicità superiori alla media”

Terremoto a L’Aquila, Ingv: “Attenzione resta alta, livelli di sismicità superiori alla media”


L’AQUILA, 22 luglio 2017 – Dopo le scosse di terremoto di magnitudo 4.2, che alle prime ore del mattino hanno colpito L’Aquila e Rieti senza causare danni, il direttore del Centro nazionale terremoti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, Salvatore Stramondo, spiega che “l’attenzione resta alta, perchè i livelli di sismicità nell’area sono superiori alla media”.

Stramondo compie una panoramica su i fenomeni verificatisi a partire dal sisma che ha colpito Amatrice lo scorso 24 agosto:

“Da allora nel centro-Italia abbiamo registrato 61 eventi sismici, incluso quello di oggi, con magnitudo tra 4 e 5. Dunque non si possono escludere altre scosse di magnitudo analoga nell’area. Il sisma di oggi rientra nella stessa sequenza iniziata lo scorso agosto con il terremoto che ha colpito Amatrice, si tratta cioè della stessa faglia e non c’è, dunque, un nuovo fronte che si apre”.

Gli eventi sismici registrati nella stessa aerea in cui è stata avvertita la scossa di oggi, ma con magnitudo inferiore a 4, sono un numero impressionante:

“Dallo scorso 24 agosto si sono registrati 73.000 eventi sismici”.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
12%
Ok
0%
Triste
71%
Arrabbiato
18%