Pescara
Stai leggendo
Calcio a 5, il Pescara si ritira: “Da domani stop a tutte le competizioni”

Calcio a 5, il Pescara si ritira: “Da domani stop a tutte le competizioni”


PESCARA, 5 aprile – “L’Asd Pescara comunica la decisione irrevocabile di rinunciare a far data dal 06/04/2018 a tutte le competizioni in cui sono iscritte le proprie squadre, prima e giovanili, nella stagione 2017/18”. E’ quanto scrive la società del Pescara Calcio a 5, che decide di ritirarsi dopo “la goccia che ha fatto traboccare il vaso” è stata lo scandalo scommesse, arrivato in una stagione estremamente difficile. A renderlo noto, in un comunicato, è la stessa società.

Il Pescara ha iniziato la propria attività nel 1999 ed ha disputato 12 campionati consecutivi di serie A, seconda in tal senso solo alla Luparense, vincendo uno scudetto, due Coppa Italia, due Supercoppa e una Coppa Italia Under 21, oltre a decine di titoli regionali conquistati in tutti le categorie giovanili. Nel 2016, quando fu finalista di Uefa Futsal Cup, è stata eletta sesta squadra al mondo.

“Dalla fine dello scorso campionato – si legge nella nota – la società ha dovuto subire squalifiche di atleti, dirigenti e del campo di gioco oltre a multe che avevano portato a valutare seriamente l’ipotesi di non proseguire con la sua attività. Soltanto per la vicinanza delle Istituzioni e per l’attaccamento alla città, si è deciso di proseguire, anche per difendere la coccarda tricolore nuovamente conquistata e la partecipazione alla Uefa Futsal Cup. Probabilmente abbiamo sbagliato, perché nei mesi successivi la società è stata continuamente bersaglio di ulteriori squalifiche al presidente, al tecnico e a diversi tesserati. A questo si aggiungano la squalifica per doping al nostro portiere Capuozzo, la cui defezione si è sommata a quelle dei nostri giocatori già squalificati dopo gara 1 della serie Scudetto, e successivamente la sanzione a carico di Mati Rosa, squalificato proprio alla vigilia della Final Eight di Coppa Italia per una vicenda della quale questa società è vittima senza avere la possibilità di tutelarsi nei confronti di chi avrebbe commesso l’irregolarità”.

Il risalto mediatico negativo a seguito dei fatti delle finali playoff e la circostanza di dover giocare l’intero girone d’andata a porte chiuse, si legge ancora, “hanno immediatamente allontanato tutti i nostri principali sponsor ma, malgrado questo, la società ha voluto proseguire, impegnandosi come dimostra anche l’ultima campagna di rafforzamento nel mercato invernale. Nonostante tutte queste problematiche, la società ha organizzato l’Elite Round di Uefa Futsal Cup, portando la semifinale di Coppa dei Campioni per la seconda volta a Pescara, dove la squadra è stata battuta dal Barcellona, sostenendo ulteriori ed ingenti spese”.

“Dai primi giorni di febbraio, dal ritorno dei giocatori impegnati nelle rispettive Nazionali, la società ha dovuto far fronte a problemi con i propri tesserati, presenti più nelle sale dell’infermeria che sul parquet degli allenamenti, tanto che mister Patriarca in questi ultimi due mesi ha potuto far disputare al massimo due allenamenti regolari”.

La cosa più grave, secondo la società, però, è avvenuta “nel posticipo in diretta televisiva del 26/2 a Reggio Emilia dove la nostra squadra ha disputato la più brutta partita della sua gloriosa storia, costretta a presentarsi con soli quattro titolari disponibili e ad affrontare un viaggio per venire umiliati da una squadra con un organico sicuramente non superiore al nostro”.

“Negli immediati giorni successivi,  si è avuto il fondato sospetto che un nostro giocatore possa aver scommesso sulla sconfitta della propria squadra, la nostra squadra, disonorandone quindi il nome e la storia e falsando il campionato. Abbiamo immediatamente inoltrato denuncia sia alla divisione Calcio a 5 sia alla Procura Federale. E’ stata la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso. In queste condizioni, pertanto, è impossibile poter proseguire e permettere di calpestare ancor di più la nostra amata maglia”.

La società conclude dicendo che “in questa tristissima giornata, ci scusiamo con i nostri tifosi, con la nostra città e con tutti coloro che ci sono stati sempre vicini, sia nella buona sia nella cattiva sorte, sia nei trionfi tra le mura amiche sia nell’epica trasferta di Ancona con 2.500 persone al nostro fianco”.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
100%
Arrabbiato
0%