Teramo
Stai leggendo
Mani che chiedono aiuto, installazione artistica in piazza ad Atri. In attesa di Salvini

Mani che chiedono aiuto, installazione artistica in piazza ad Atri. In attesa di Salvini


ATRI, 3 febbraio – Una protesta silenziosa, quella di decine di mani che si alzano dall’asfalto in una muta richiesta di aiuto.

E’ il messaggio contro le politiche del Minitro dell’Interno, Matteo Salvini, che oggi pomeriggio sarà nella cittadina ducale nel tour elettorale a sostegno dei candidati della Lega e di Marco Marsilio.

In un angolo il messaggio “Ministro, sentiti libero di esprimere qui, con i tuoi elettori, idee disumane di società, qui tra queste mani che affondano, silenti come coloro che, in mare, hanno la testa nell’acqua. Coraggioso è chi mette in gioco la propria vita, non chi gioca con quella degli altri”.

L’installazione è stata smantellata dalle forze dell’ordine che hanno identificato gli autori. Sottolinea in un documento Maurizio Acerbo:

“Mentre le forze dell’ordine smantellano l’opera e identificano gli autori noi di Rifondazione Comunista ringraziamo i compagni artisti e attivisti che hanno realizzato questo intervento politico-artistico: Gianluigi Antonelli, Ilaria Fini, Marco Palermo, Caterina Anello, Giuseppe Forcella, Barbara Della Torre. Invitiamo tutti e tutte a diffondere queste foto. Alla demagogia razzista e xenofoba contrapponiamo la consapevolezza e il rispetto della vita umana. Mentre Salvini usa la disumanità per salire nei sondaggi ricordiamo a tutte e tutti che nel Mediterraneo sono esseri umani a affogare ogni giorno.  Invitiamo antifascisti e antirazzisti e le forze politiche e sociali democratiche in tutte le città a imitare e riprodurre questa azione politico-artistica di protesta civile”.

L’installazione artistica atriana arriva dopo lo striscione con l’aforisma ovidiano srotolato a Sulmona la scorsa settimana.

Mi sento...
Felice
50%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
50%