Stai leggendo
Operazione Marassi, Zeman festeggia 1.000 panchine: “Non le ho contate ma vi credo”

Operazione Marassi, Zeman festeggia 1.000 panchine: “Non le ho contate ma vi credo”


PESCARA, 3 marzo 2017 – Il Marassi di Genova torna ad essere un crocevia importante per Zdenek Zeman. Nello stadio ligure il boemo conquistò la promozione in serie A, nel 2012, alla guida del Pescara di Verratti, Insigne e Immobile. In quello stesso stadio, domani pomeriggio, il tecnico di Praga festeggerà le sue mille panchine nel calcio professionistico. L’avversario, ieri come oggi, è sempre la Sampdoria.

“Mille panchine? – è il commento di Zeman nella tradizionale conferenza stampa della vigilia -.  Non le ho contate ma vi credo”.

Il sorriso a mezza bocca del boemo dura lo spazio di un attimo. L’allenatore del Pescara torna subito serio:

“Per me è sempre come la prima volta. Torno a Genova in condizioni diverse rispetto a cinque anni fa. Sappiamo di non poter vincere tutte le partite, ma dobbiamo fare meglio rispetto a quanto abbiamo fatto vedere contro il Chievo”.

Zeman, come sempre, non fornisce indicazioni sulla formazione il giorno prima della partita. La sensazione, però, è che il tecnico sia intenzionato a cambiare qualcosa:

“Non posso anticipare nulla, sono contento che tutti in settimana si siano impegnati ed abbiano capito qualcosa di più. Possibili novità rispetto a una settimana fa? Possono esserci sempre”.

Quanto alla Sampdoria, il boemo si limita ad osservare:

“È una squadra difficile da leggere, dipende dal momento. Sono capaci di qualsiasi risultato. Giampaolo? È bravo come allenatore”.

Per la sfida di domani, con fischio d’inizio alle 18, sono 21 i giocatori convocati da Zeman. A Pescara sono rimasti gli infortunati Gilardino, Bahebeck, Vitturini, Pepe, Mitrita, Bovo e Campagnaro.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%