L'Aquila
Stai leggendo
L’Aquila, consiglio comunale a Roma Tiburtina contro lo spostamento del terminal bus

L’Aquila, consiglio comunale a Roma Tiburtina contro lo spostamento del terminal bus


L’AQUILA, 10 novembre – Clamorosa iniziativa del Consiglio comunale dell’Aquila, che lunedì prossimo terrà una seduta straordinaria nella sala meeting della stazione Tiburtina di Roma, per discutere sulla delocalizzazione dell’autostazione da Tiburtina ad Anagnina per i mezzi adibiti alle linee di trasporto pubblico interregionali.

La decisione è stata assunta all’unanimità dalla conferenza dei capigruppo. A renderlo noto è il presidente del Consiglio comunale, Roberto Tinari:

“In qualità di presidente del Consiglio comunale sono al fianco dei nostri concittadini contro la delibera della giunta capitolina che prevede lo spostamento del terminal bus ad Anagnina. Una decisione che allungherebbe di almeno un’ora gli spostamenti verso Roma dall’Aquila e da tutto l’Abruzzo, creando notevoli disagi. Un colpo durissimo per le migliaia di pendolari che viaggiano giornalmente per mantenere il posto di lavoro. Sono orgoglioso e fiero di rappresentare un Consiglio comunale sempre attento alle problematiche dei nostri concittadini”.

Sempre lunedì, a Roma, nel piazzale antistante l’ingresso del Terminal Bus Tiburtina, si svolgerà il presidio-conferenza stampa del presidente della Regione Abruzzo, Giovanni Lolli, e dell’assessore della Regione Lazio Massimiliano Valeriani, sulle iniziative da intraprendere per contrastare la decisione del comune di Roma di spostare il Terminal bus da Tiburtina ad Anagnina. Parteciperanno all’incontro con la stampa il presidente del Consiglio regionale dell’Abruzzo, Giuseppe Di Pangrazio, i parlamentari abruzzesi Stefania Pezzopane e Marco Marsilio, il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, e una larga rappresentanza del Consiglio comunale del capoluogo, il presidente di Confindustria Abruzzo, Agostino Ballone, un’ampia delegazione di sindaci, amministratori locali, consiglieri regionali, nonché esponenti delle organizzazioni sindacali, di categoria e produttive.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%