Pescara
Stai leggendo
Provincia di Pescara, Di Marco: “Grazie a me attratte risorse oltre ogni più rosea aspettativa”

Provincia di Pescara, Di Marco: “Grazie a me attratte risorse oltre ogni più rosea aspettativa”


PESCARA, 6 gennaio – Dopo le schermaglie interne alla maggioranza di centrosinistra e le bordata da parte dell’opposizione di centrodestra, Antonio Di Marco rompe il silenzio per rivendicare il suo operato da presidente della Provincia di Pescara. “Tre anni di duro lavoro – dice – ripagati dai risultati in arrivo”.

Di Marco, in sostanza, sceglie di proiettare un’immagine di concretezza, di “uomo del fare”, nel tentativo di disinnescare le trappole piazzate da esponenti della maggioranza e dell’opposizione.

Il presidente dell’ente traccia un bilancio delle attività, dai lavori svolti  a quelli in corso, dai progetti avviati a quelli da realizzare nel 2018 con le risorse ottenute:

“Non si tratta di un elenco finalizzato a dimostrare l’operatività della mia  persona, ma di uno strumento utile alla conoscenza di dati che facciano capire come, al di là delle enormi difficoltà dovute agli effetti della legge Del Rio e ai tagli di risorse subiti in previsione della cancellazione delle Province dalla Costituzione, questa Provincia sia riuscita a gestire le sue funzioni principali, e anche a rilanciare alcune attività che avremmo potuto interrompere, a discapito dei servizi per i cittadini”.

Poi Di Marco rivendica anche il metodo con cui ha guidato la Provincia:

“In questi anni di attività ho sempre cercato di coinvolgere gli amministratori nei progetti e nelle iniziative istituzionali di cui mi sono occupato. Ritengo, infatti, che il ruolo della ‘nuova’ Provincia sia innanzitutto quello di essere vicina ai piccoli e grandi Comuni e di aiutarli nel difficile compito di presidiare il territorio. Abbiamo ottenuto risultati importanti, grazie proprio ad una gestione collegiale e alla mediazione e coinvolgimento di tutte le parti politiche, arrivando addirittura alla piena condivisione con l’opposizione di una serie di azioni che hanno consentito la risoluzione di questioni che altrimenti non si sarebbero risolte. Siamo stati molto attenti alla gestione finanziaria e all’attività amministrativa, anche perché i tagli da parte delle Leggi di Stabilità ci hanno obbligati ad una gestione oculatissima delle poche risorse disponibili. Non c’è stato tempo per praticare un’attività esclusivamente politica, come accadeva negli anni precedenti. D’altra parte, con la legge Del Rio, i consiglieri provinciali sono eletti dai sindaci e dai consiglieri dei Comuni della Provincia, che hanno loro delegato la risoluzione dei problemi del territorio”.

Infine il capitolo legato a numeri e risorse. Di Marco afferma che la precedente amministrazione provinciale, nell’arco di un quinquennio, aveva ottenuto 18.645.000 euro di finanziamenti per le funzioni della Provincia. Lui, in soli tre anni, afferma di avere ottenuto 63.050.765 euro di finanziamenti.

Così il presidente della Provincia:

“Non vorrei che si confondesse l’autorevolezza con l’autoritarismo, poiché i fondi ottenuti sono anche frutto del mio impegno istituzionale, da presidente di Provincia e presidente dell’Upi Abruzzo, e del rapporto solido, strutturato e diretto instaurato con la Regione Abruzzo e con il presidente Luciano D’Alfonso, sempre in ascolto e pronto ad adoperarsi a sostegno delle esigenze e delle richieste del nostro territorio. In un momento di estrema difficoltà da parte delle Province, caratterizzato da profonde trasformazioni per l’Ente ed un’insostenibile carenza di risorse finanziarie per la gestione dei servizi  di competenza, si è riusciti ad intercettare ed attrarre finanziamenti oltre ogni più rosea prospettiva, inimmaginabili all’epoca del mio insediamento”.

Mi sento...
Felice
0%
Orgoglioso
0%
Euforico
0%
Ok
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%